Vietti-Barolo DOCG. Cru”LAZZARITO” 2018

174,00

Uve provenienti dal vigneto singolo Lazzarito di Serralunga d’Alba, con circa 4.500 piante per ettaro ed età media di 37 anni. Lazzarito è una favolosa conca con esposizione sud- ovest, con terreno calcareo-argilloso. La nostra superficie complessiva è di circa 2 ettari. La fermentazione dura circa 4 settimane in vasca di acciaio a contatto con le bucce. Questo tempo comprende macerazione pre e post fermentativa con l’uso dell’antico metodo del cappello sommerso. Malolattica in legno.

Invecchiamento: 30 mesi circa in legno tra barriques e botti in rovere

“La danza rotonda si apre con note olfattive fini di frutti rossi e pepe; l’attacco è corposo, i tannini delicatamente cesellati e in simbiosi con l’acidità, evoluzione perfetta, finale elegante. Grande vino che può ancora maturare.” VINUM

“Arance rosse, bacche rosse e nocciole; soprattutto, molta struttura solida, casualmente austera e molto tesa, frizzante e fresca, ha un tocco di agrumi e note di foglia, ginepro, mineralità scura, enorme tensione, una bellezza ancora fragile con tanto carattere, scivola finemente fruttato nel lungo finale super potenziale.” WEINWISSER

“Granato rubino frizzante e luminoso. Naso aperto e invitante con note di mirtillo rosso, rosa, melograno e scorza d’arancia essiccata. Tannini aderenti e aderenti alimentano questo vino, fini note di ciliegia e arancia, finale con cuoio, finale lungo.” FALSTAFF

“Al naso, questo vino è piuttosto sgargiante, mostrando lamponi e note granulose, insieme a un accenno di funghi freschi. Con l’aria, emerge un po’ di frutto della passione più leggero. Di medio corpo con un nucleo intenso di frutta vibrante e tannini giovanili che faranno aggiungi lunghezza e ampiezza al vino nel tempo. Aspetta questo vino, assaggialo dal 2024. JAMES SUCKLING

“Il Barolo Lazzarito 2018 è teso, vivace e molto chiuso in se stesso. Tannini brucianti e struttura serralunga dominano oggi. Ghiaia, ciottoli, frutti rossi, petali di rosa, lavanda e salvia percorrono questo Barolo Serralunga plastico e vibrante. Ciò che distingue maggiormente Lazzarito oggi è che stilisticamente è più simile agli altri Barolo rispetto a qualche anno fa, mi aspetto grandi cose qui con il tempo.” VINOUS

“Rotondo e pieno di aromi di prugna, ciliegia, melograno, tè verde ed eucalipto, questo vino rosso è anche denso e muscoloso. Il finale è dominato da tannini aderenti. Nel complesso, è equilibrato e molto lungo.” WINE SPECTATOR

“Serralunga d’Alba, un magnifico sito a forma di anfiteatro, con terreno calcareo-argilloso. Un Barolo di ottima muscolarità, al naso con note di menta selvatica, poi lampone e pepe bianco. Al palato ha tannini speziati-salati, profondità, con grande persistenza e ritorno fruttato.” LUCA GARDINI

“Il Barolo Lazzarito 2018 rappresenta l’interpretazione di Vietti di Serralunga d’Alba, il villaggio spesso associato ai vini più potenti della denominazione. Il Lazzarito completa la sua seconda fermentazione in barrique per tre mesi e viene poi trasferito in grandi bottiglie di rovere dove matura per un ulteriore due anni. Con circa 8.000 bottiglie prodotte in questa annata più piccola, il vino è molto indicativo della sua origine geografica con fitti frutti neri, chiodo arrugginito, arancia rossa e terra. Rispetto agli altri vini di questa serie, questo vino offre tannini più persistenti . Adesso è ancora un po’ salato e piccante, ma si presta bene a un lungo invecchiamento.”                              WINE ADVOCATE

Valutazioni:

  • Doctor Wine: 98 points
  • Luca Gardini: 94+ points
  • Wine Advocate: 96 points
  • Vinous: 94 points
  • Wine Spectator: 94 points
  • James Suckling: 93 points
  • Falstaff: 97 points

Quando bere:  2025/2050

Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

Disponibile

Descrizione

La cantina Vietti ha sede a Castiglione Falletto, nel cuore delle Langhe, una delle zone più vocate al mondo per la produzione di grandi vini. Fondata a fine Ottocento da Mario Vietti, ha iniziato a produrre vini sin dal 1919. Una figura fondamentale nello sviluppo della cantina Vietti è certamente rappresentata da Alfredo Currao, enologo che dagli anni Cinquanta ha selezionato e vinificato uve provenienti dai singoli vigneti, dando vita, nel 1961, ai primi “cru”: il Barolo Rocche e il Barbaresco Masseria. Non ci stupisce l’importanza riservata al Barolo e al Barbaresco, simboli del Piemonte e dell’Italia vitivinicola in tutto il mondo, maestosi biglietti da visita della grandezza del Nebbiolo. Ma il Piemonte è anche sinonimo di Barbera, altra eccellenza della produzione di Vietti, e di pregiati vini bianchi.

A tal proposito è doveroso ritornare alla figura di Alfredo Currao, soprannominato il “padre dell’Arneis” per aver riscoperto questa qualità di uva nel 1967 e per essere stato il primo a vinificarla in purezza. A distanza di alcuni decenni, l’Arneis è divenuto il vino bianco più importante delle Langhe e uno dei più apprezzati in tutta Italia.

Un’altra peculiarità della produzione di Vietti è rappresentata dalle etichette d’autore, pregevole iniziativa che ha coinvolto artisti del calibro di Gianni Gallo, Pietro Cascella, Pier Paolo Pasolini e tanti altri. La competenza e la lungimiranza degli uomini hanno saputo unirsi alle infinite potenzialità del Piemonte: così Vietti viene oggi considerato uno dei più autorevoli esponenti nel variegato mondo del vino e rappresenta nel modo migliore l’eccellenza delle bottiglie made in Italy.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Paese

Regione

Vitigni

Gradazione

Formato