Torraccia del Piantavigna – GHEMME DOCG. 2015

22,90

In quest’area limitata ci sono soltanto poco più di 60 ettari di vigneti pregiati.
Le particolari condizioni climatiche e soprattutto l’ampia escursione termica tra il giorno e la notte, per via dei venti freddi che scendono dal Monte Rosa, determinano la variabilità aromatica di quest’uva.

Il suolo argilloso e l’esposizione ad Ovest delle colline di Ghemme creano un vino unico, conosciuto negli anni per la sua ricchezza, la pienezza di sapore e la sua tendenza ad incantare anche dopo numerosi anni.

Invecchiamento= Per almeno 3 anni in botti di rovere francese
Affinamento= 6 mesi in bottiglia

Colore rosso rubino con riflessi aranciati.
Profumo delicato con note di viola e liquerizia.
In bocca i tannini sono morbidi, ma il vino ne conserva l’impronta con il passare degli anni.

Sebbene sia pronto per il consumo già dopo circa 5 anni, questo vino ha un’eccezionale longevità.

Falstaff
Annata 2015 degustata: ottobre 2021
Rosso granato ricco, leggermente velato. Al naso finemente tirato si apre a ciliegie mature, rosa canina e fichi secchi, al secondo profumo di liquirizia e anche qualcosa di tartufo. All’inizio si sviluppa potentemente, intrecciato con una buona presa nei tannini, fitto, ma succoso e con una certa finezza, finendo potentemente con rosmarino e amarena.

Recensioni=  Falstaf   92/100

Quando bere=    2022/2032

Disponibile

Descrizione

Quella di “Torraccia del Piantavigna” è una storia che risale ai primi anni ’50 del secolo scorso, quando Pierino Piantavigna mise a dimora un piccolo vigneto sulle colline di Ghemme, nei pressi del seicentesco castello di Cavenago.
Il nome dell’azienda, coniato molti anni dopo e ispirato alla vita appassionata che Pierino ha speso tra i filari del suo vigneto, deriva dall’appellativo “Torraccia” dato a una collina, particolarmente cara al Piantavigna, di eccezionale esposizione e di forma quasi circolare che si trova poco a nord del castello di Cavenago.
La presenza della vecchia torre del castello, una vera “torraccia” a causa del suo stato di abbandono, è altro motivo di ispirazione del nome aziendale.

Torraccia del Piantavigna è situata a Ghemme, nell’Alto Piemonte, ai piedi del Monte Rosa, una delle più emblematiche montagne italiane. Con una superficie di 40 ettari coltivata a vitigni autoctoni di grande tradizione come il Nebbiolo, la Vespolina e il Vitigno a bacca bianca come da Disciplinare di Produzione, l’azienda vinifica, affina e imbottiglia, direttamente nelle sue cantine, vini rossi, bianchi e rosati di grande qualità, tra i quali spiccano eccellenze come il Ghemme e il Gattinara D.O.C.G.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Gradazione

Paese

Regione

Formato