Parusso Armando – Barolo Docg. “BUSSIA VIGNA ROCCHE” 2000

106,20

Il Barolo dell’azienda Parusso proviene da uve Nebbiolo coltivate nei vari vigneti dei comuni di Monforte d’Alba e Castiglione Falletto, situati a 250-450 metri s.l.m. ed esposti a sud-est/sud-ovest.

La vendemmia viene svolta con raccolta manuale, utilizzando piccole ceste forate. La vinificazione prevede una diraspatura, seguita da una macerazione a contatto con le bucce e una fermentazione alcolica svolta spontaneamente con lieviti naturali senza l’utilizzo di solfiti e con un accurato controllo dei tempi di macerazione e della temperatura. Successivamente avviene la maturazione in piccole botti di rovere per 24 mesi, a contatto con i suoi lieviti indigeni, seguita da un conclusivo affinamento in bottiglia alla temperatura controllata di 15°C per almeno 6 mesi.

95 punti Wine Spectator
Un po’ terroso e decadente al naso ma mostra frutta matura e meravigliosa. Si rivolge a rose e fiori pressati. Corposo, con una splendida trama di tannini carezzevoli e un lungo finale di frutta, vaniglia e petali di rosa. Finale delizioso.  (7/2004)

93 punti Wine Advocate di Robert Parker
Il Barolo Bussia Vigna Rocche 2000 di Marco Parusso rivela una bella intensità nei suoi frutti rossi, tabacco, cedro e fiori secchi. È un Barolo morbido e delicato, ma c’è abbastanza vivacità e profondità nel frutto da farmi pensare che possa essere bevuto ora o tenuto per altri 5-7 anni. Nonostante alcuni elementi di fragilità, la Rocche è invecchiata con grazia.  (6/2011)

 

 

 

 

Descrizione

Parusso è un’azienda vinicola piemontese particolarmente nota per i suoi vini Barolo da uve Nebbiolo . I vini hanno la reputazione di combinare l’accessibilità al rilascio con l’invecchiamento tipico della denominazione.

L’azienda risale al 1901 quando Gaspare Parusso acquistò il suo primo vigneto, un appezzamento a Mariondino. Nel 1925 la famiglia acquistò il casale Rovella a Bussia dove ora si trovano le cantine, anche se i primi vini con l’etichetta Parusso non furono commercializzati fino al 1971. Nel 1989 Parusso acquistò il vigneto Munie a Bussia.

Oggi ci sono 22 ettari (54 acri) di vigneti di proprietà in tutta la regione del Barolo. Questo include appezzamenti in diversi vigneti del cru Barolo, tra cui Le Coste, Mariondino e Mosconi, oltre a Bussia. Questi forniscono una gamma di terroir, che vanno da marne calcaree a appezzamenti più dominati da arenaria. Ogni trama è accuratamente mappata in modo che possa essere curata in modo efficace. I raccolti verdi sono usati per limitare i raccolti.

La vinificazione in rosso al Parusso tende al moderno, con tutti i rossi tranne il Dolcetto maturato in piccole botti di rovere. Il Barolo generico e Cru trascorrono 24 mesi in rovere, mentre i vini Riserva trascorrono 30 mesi. Tuttavia, la frutta, il succo e il vino sono esposti a molto più ossigeno di quanto sia normale nella moderna vinificazione.

Informazioni aggiuntive

Anno

Carta dei Vini

Produttore

Vitigni

Gradazione

Paese

Regione

Formato