Silvia Imparato Colli di Salerno IGT “MONTEVETRANO” 2006

53,00

Il Montevetrano è un vino rosso a Indicazione Geografica Tipica Colli di Salerno ottenuto da Cabernet Sauvignon, Aglianico, Merlot.

Nasce e si produce a pochi chilometri da Salerno, nell’azienda agricola Montevetrano di Silvia Imparato, nel comune di San Cipriano Picentino. La prima annata prodotta è del 1991 mentre la prima annata commercializzata è stata il 1993. Montevetrano è vinificato con uve di proprietà, ed imbottigliato nella tenuta, garanzia del controllo totale di tutto il ciclo produttivo. Dallo stile riconoscibilissimo, è un vino caratterizzato dalla complessità, come il territorio in cui nasce, come i profumi e i colori della sua terra.

Colore intenso, vino di forte persistenza, elegante, si giova delle benefiche influenze del mare e di un clima mite, protetto nei suoi vigneti dalla corona dei Monti Picentini. Il Montevetrano, anche grazie ad una lavorazione attenta e rispettosa, continua a maturare in bottiglia per quindici, venti anni. Dalle degustazioni dell’archivio, le previsioni e i giudizi degli esperti sulle varie annate si può garantire grande longevità

Uve
60% Cabernet Sauvignon, 30% Aglianico, 10% Merlot, interamente di proprietà.

Vinificazione
Circa 20 giorni in acciaio inox con lunga macerazione della buccia, previo salasso del 15%.

Affinamento
Dopo circa 12 mesi, in barriques da 225 lt.
in rovere di Nevers, Allier e Tronçais.
Il nostro vino Montevetrano riposa in bottiglia minimo 6 mesi.

Invecchiamento
Previsto per 20 anni e più

Valutazioni:  Cellar Tracker  91/100

Quando bere:   2013/2026

Descrizione

Un’amicizia di metà anni ‘80 tra un gruppo di appassionati di vino con la voglia di sperimentare. Era il 1983 e tra loro c’erano Silvia Imparato e Riccardo Cotarella, oggi rinomato enologo di fama internazionale. Era precisamente il 1983 l’anno in cui venne avviato il progetto della cantina Montevetrano, che sei anni più tardi darà come frutto la prima annata dell’omonimo vino, il “Montevetrano”, Colli di Salerno IGT ormai famoso blend campano, che riunisce le varietà vitate internazionali del cabernet sauvignon e del merlot, con quella autoctona dell’aglianico. Tra i filari, le pratiche agronomiche non sono per nulla invasive, e si cerca sempre di raggiungere il minore impatto ambientale per ogni lavoro che è necessario svolgere in vigna; anche in cantina regna la stessa filosofia, e l’uso dei legni per gli affinamenti dei rossi è sapiente e sartoriale
Un successo straordinario, che continua ancora oggi.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Paese

Regione

Gradazione

Formato