Galardi – Campania Igp. “TERRA DI LAVORO” 2017

46,20

Era il 1991 che Galardi inizio una profonda ristrutturazione di vigneti e cantine. Nel 1994, alla sua prima uscita sul mercato,  Terra di Lavoro fu accolta con grande entusiasmo e immediato successo, tanto di critica che di pubblico. Successo che ancora oggi ha ottenuto, e con merito, essere un vino capace di fondere un amalgama originale con l’intensità e lo spessore dell’Aglianico e con l’immediatezza e la ricchezza di terroir della sua straordinaria regione, del territorio di Roccamonfina. Le potenzialità del suolo vulcanico e l’incontro con Riccardo Cotarella, vignaiolo di grande pregio e particolarmente sensibile al restauro e alla valorizzazione dei vini del Sud. Prodotto con il 80% di aglianico e il 20% di piedirosso, si ottiene Terra di Lavoro, un vino ben strutturato, adeguatamente affinato in botti di rovere.

Raffaele Vecchione – WinesCritic.com
2017 Vintage Tasted: Sep 2020
Incandescente il profilo sensoriale di estrema complessità che mostra sentori dark di prugne nere, more, liquirizia, asfalto bollente, foglie di tè nero e bacche di ginepro. In sottofondo il pisto napoletano domina lo sfondo nel ricordo della cannella, della noce moscata e del coriandolo. In modo luminoso e fragrante si fa spazio la piacevolezza immediata degli agrumi di limone e bergamotto che regalano mordenza alla matrice. Corpo pieno, tannini setosi di estrema grazia e precisione d’estrazione si fondono ad un finale di natura orizzontale che incide ed incalza in lunghezza e persistenza. Meglio dal 2022.
Falstaff
2017 Vintage Tasted: Feb 2021
Nobile, rubino scuro con riflessi granati. Naso pieno di frutti di bosco maturi e lamponi pieni, un accenno di mora, tono speziato nobile con retrogusto di cannella e chiodi di garofano. Conciso e salato al palato, si diffonde elegantemente sulla lingua con frutta matura, incorporato in tannino conciso, finale elegante.
.

Valutazioni:      Falstaff    95/100         Raffaele Vecchione   97/100      Cellar Tracker   94/100

Quando bere:   2022/2035

Solo 2 pezzi disponibili

Descrizione

Da una comune passione per la campagna e le attività agricole, Dora e Maria Luisa con Arturo, Roberto e Francesco hanno avviato nel 1991 la produzione di un vino di grande qualità con il sogno di rinnovare l’antica tradizione dei nobili vitigni campani. Oggi Roberto non è più tra noi, ma anche in omaggio alla sua persona è perpetrato l’impegno della Galardi nella ricerca di espressione enoica ai più elevati livelli qualitativi.

Il territorio si estende su un terreno vulcanico di grande potenzialità digradante verso il mare. I vigneti e gli uliveti sono inseriti in un’incantevole cornice di boschi di castagno che si alternano sulle pendici del vulcano di Roccamonfina offrendo una straordinaria occasione di incontro con la natura.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Gradazione

Paese

Regione