• Perrier Jouet- Fleur de Champagne Millesime Brut “BELLE EPOQUE” 2014 (Coffret)

    177,00

    “Perrier-Jouët Belle Epoque è caratterizzata dall’armonia”, afferma Séverine Frerson. “Armonia nel blend, certo, che unisce Chardonnay e Pinot Nero in proporzioni quasi uguali, ma anche armonia nel tempo. Questa è una cuvée maestosa che mantiene il suo stile e la sua filosofia con l’invecchiamento.”

    Mentre ogni annata di Perrier-Jouët Belle Epoque esprime naturalmente le caratteristiche del suo anno particolare, la personalità di questa iconica cuvée è chiaramente definita: equilibrio, armonia ed eleganza si combinano per catturare i sensi, con il suo colore oro brillante e il sottile scintillio un invitante preludio a ricche sfumature di fiori bianchi e frutta a polpa bianca. Un finale lungo ed espansivo testimonia la rara qualità di questo eccezionale champagne

    L’OCCHIO:    Un oro pallido, limpido e luminoso, come un sole autunnale.

    IL NASO:   Aromi di pera matura e succosa, un pizzico di agrumi (pompelmo giallo, lime), pepe verde e zenzero. Una sottile salinità.

    IL PALATO:     Un attacco generoso e vivace e una consistenza ricca e cremosa. Note floreali di fiori di tiglio, integrate da pera, mandarino e scorza di pompelmo.

    AFFINAMENTO SUI LIEVITI:     Sei anni

    Falstaff
    Annata 2014 Degustazione: Dic 2022
    Giallo dorato tenue, riflessi argentati. Sfumature di frutta a nocciolo gialla sottolineate da fini spezie erbacee e scorza d’arancia, un accenno di biscotto, delicatamente dopo la scorza di kumquat, il miele di fiori è sottolineato. Succosa, fine dolcezza fruttata, più un’acidità decisa e animata, sfumature di mango e pesca sul finale, tocco minerale sul finale, nel complesso già molto accessibile, mostra lunghezza, un versatile accompagnamento alimentare.

    .

    Valutazioni:    Falstaff    94/100

    Quando bere:     2022/2034

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • ESAURITO

    Elena Walch – Alto Adige DOC. “BEYOND THE CLOUDS“ 2014 Argentum Bonum

    113,00

    ARGENTUM BONUM

    La famiglia Walch, è proprietaria di una baita, sita in una splendida zona trentina, ad alta quota. Un giorno in questa baita, trovarono delle casse dei loro vini, dimenticate e di annate molto vintage. Pensarono che quei vini, ormai vecchi, non avessero più le qualità organolettiche e di struttura, ma decisero comunque (l’avremmo fatto anche noi)  di stapparle e assaggiarle. Con grande stupore si accorsero che erano in splendida forma e addirittura avevano acquisito profumi e sapori sconosciuti alle stesse etichette omonime di annate correnti.                     Con questa esperienza decisero di far maturare in una vecchia miniera d’argento in disuso, a 2000 mt. s.l.m., una piccola parte selezionata dei loro vini. In assoluta mancanza di luce, ad una temperatura di cava costante di 7°C, ed una umidità del 95%. Oltre ai già accennati vantaggi, un fattore ormai dimostrato molto importante è dato dalla pressione d’aria estremamente bassa che si trova in questa miniera, la più alta d’Europa, la quale influenza positivamente il processo di maturazione di questi vini, donando loro lunga giovinezza.

    Lo Chardonnay fa da padrone in questo uvaggio. La data della raccolta delle diverse uve la cui percentuale può variare leggermente da anno in anno, viene determinata dalla maturazione ottimale dello Chardonnay. Essendo un uvaggio, la raccolta e la lavorazione di tutte le uve avviene insieme e nello stesso giorno. Dopo la fermentazione in barrique viene eseguito settimanalmente una battonage per 3 mesi. Il vino matura in barrique francesi per 10 mesi, e affina in bottiglia per cinque anni in miniera

     

    Di un color giallo dorato brillante. Al naso è elegante e stratificato con un esordio fruttato improntato alla frutta esotica e tropicale, con accento sull’ananas, accompagnato da note floreali di petali di rosa ed un finale tostato.
    In bocca è ampio, elegante e complesso, con grande morbidezza al palato bilanciata da un’acidità viva e fragrante oltre ad una notevole sapidità. Persistenza aromatica ottima.

     

    Valutazioni:  Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:   nd.

     

  • Elena Walch – Alto Adige Doc. GEWÜRZTRAMINER VIGNA “KASTELAZ“ 2014 Argentum Bonum

    65,60

    ARGENTUM BONUM

    La famiglia Walch, è proprietaria di una baita, sita in una splendida zona trentina, ad alta quota. Un giorno in questa baita, trovarono delle casse dei loro vini, dimenticate e di annate molto vintage. Pensarono che quei vini, ormai vecchi, non avessero più le qualità organolettiche e di struttura, ma decisero comunque (l’avremmo fatto anche noi)  di stapparle e assaggiarle. Con grande stupore si accorsero che erano in splendida forma e addirittura avevano acquisito profumi e sapori sconosciuti alle stesse etichette omonime di annate correnti.                     Con questa esperienza decisero di far maturare in una vecchia miniera d’argento in disuso, a 2000 mt. s.l.m., una piccola parte selezionata dei loro vini. In assoluta mancanza di luce, ad una temperatura di cava costante di 7°C, ed una umidità del 95%. Oltre ai già accennati vantaggi, un fattore ormai dimostrato molto importante è dato dalla pressione d’aria estremamente bassa che si trova in questa miniera, la più alta d’Europa, la quale influenza positivamente il processo di maturazione di questi vini, donando loro lunga giovinezza.

    Invecchiamento su fecce per alcuni mesi, per poi subire una seconda maturazione di 4 anni in bottiglia.

    Di un color giallo dorato intenso. Al naso è ampio, avvolgente, ricco di sfumature che si susseguono continue con note floreali di petali di rosa e fruttati con accento sui litchies a far da preludio a frutta secca con miele arricchita da cannella e chiodi di garofano.
    In bocca è equilibrato, aromatico, con una dolcezza perfettamente bilanciata dall’ottima acidità. Aromi di frutta secca e frutta matura per un finale lungo e persistente.

     

    Valutazioni:  Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:   2022/2029

     

  • Philipponat – Champagne Extra Brut Grand Cru “CUVEE 1522” Millesimato 2014

    107,00

    Philipponnat ha creato la Cuvée 1522 per commemorare l’anno in cui la famiglia si stabilì ad Ay. Assemblaggio di 58% Pinot Noir, proveniente dalle vigne storiche di “Léon” ad Ay e 42% Chardonnay, da Mesnil-sur-Oger. Una parte dei vini è vinificata  in legno e non subisce fermentazione malolattica per preservare la freschezza del vino e permettergli di guadagnare in complessità. Ampia e acidula all’inizio, si presta a meravigliare grazie ad un basso dosage (extra-brut con 4,25 g/l).

    Colore oro tenue, brillante.

    Naso note di fragoline di bosco e fiori di sambuco, con un finale che ricorda le glasse di tabacco biondo e la crosta di pane.

    Il gusto è corposo e intenso, morbido e cremoso, con una bella freschezza e persistenza

    Bocca fresca e cremosa con note di pasticceria e un finale speziato.

    .

    Valutazioni:        Andreas Larson    94/100

    Quando bere:     2021/2029

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • ESAURITO

    Giuseppe Quintarelli – Valpolicella Classico Superiore DOC. 2014

    74,20

    Il Valpolicella Classico Superiore dell’Azienda Agricola Giuseppe Quintarelli nasce a Negrar, nel cuore della Valpolicella Classica, dove i vigneti poggiano su terreni collinari di natura vulcanica e calcarea. Il prodotto ottenuto viene messo in botti medio-grandi di rovere di Slavonia, dove rimane per sei anni circa a completamento della sua maturazione.
    vitigni utilizzati per la produzione di questo rosso fermo sono il corvina, il molinara e il rondinella.
    Il Valpolicella Classico Superiore di Quintarelli è un vino impeccabile e di prestigio.

    Si presenta di colore rosso rubino. Al naso si apre con un intenso bouquet speziato, arricchito da piacevoli sentori di amarena; note di cedro, fumo di legno, grafite insieme a marasca e lampone maturo. Al palato risulta intenso, con un corpo piacevolmente impeccabile e tannico. In bocca è asciutto e di medio corpo, lunghissimo.

    Valutazioni:    Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

     

     

  • Giuseppe Quintarelli – Veneto IGT. “ROSSO DEL BEPI” 2014

    123,00

    Veneto Rosso del Bepi IGT nasce nella cantina di Giuseppe Quintarelli, in piena zona Valpolicella, nel Comune di Negar, in un contesto collinare dal clima mite e dal terreno molto fertile. Il prodotto è composto da 3 uve diverse: 55% Corvina, 30% Rondinella, 15% Cabernet Sauvignon. La vendemmia viene effettuata rispettando le antiche regole e le usanze della tradizione, con un procedimento manuale di selezione in vigna ed una cernita accuratissima dei grappoli per scegliere solo gli acini migliori da destinare agli stadi produttivi successivi. Dopo una prima fase di macerazione della durata di 20 giorni, le uve vengono lasciate fermentare lentamente per un periodo di altri 45 giorni. A processo ultimato il vino affina all’interno delle botti di rovere, addirittura per un arco temporale di ben 7 anni.
    Grazie al procedimento di invecchiamento lento e naturale, che avviene in un ambiente costantemente controllato, assume una struttura straordinaria. Il prodotto finale è un vino rosso di alta qualità e di prima fascia, pronto per essere consumato o adeguatamente mantenuto, ideale per un’ulteriore fase di conservazione all’interno della bottiglia.

    Rosso rubino carico, con unghia granata. All’olfattiva sono ben chiari i rimandi alla marasca e alla confettura di frutti di bosco, cui si aggiungono toni di tabacco e liquirizia. Soffice, morbido e vellutato al palato, caratterizzato da una dolce e setosa struttura tannica, e particolarmente lungo in persistenza.

    Valutazioni:    Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

     

     

  • Gaston Chiquet – Champagne Premier Cru Brut MILLESIME OR 2014

    56,90

    40% Chardonnay e 60% Pinot Noir. Vigneti situati nei comuni di Hautvillers, Dizy e Mareuil-sur-Ay.

    Fermentazione alcolica e malolattica realizzata in piccole vasche termoregolate, stabilizzazione a freddo e filtrazione seguiti da un riposo di 4/7 mesi. Invecchiamento sui lieviti per almeno 4 anni, quindi dégorgement e dosage di 7 g/l. Prima di essere etichettato e commercializzato riposa ancora dai 3 ai 6 mesi. Colore oro antico, naso sui frutti secchi, brioche grillée, burro. Bocca potente con una notevole morbidezza. Persistente e di grande equilibrio.

    Valutazioni:  Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

     

     

     

  • ESAURITO

    Colombo-Metodo Classico Brut BLANC DE BLANCS 48mesi 2016

    17,60

    Questo vino dal grande equilibrio e ottima persistenza è prodotto dalle sole uve di Chardonnay provenienti dai vigneti coltivati in alta collina. Selezionate già in vigna, raccolte a mano in piccole cassette, subiscono poi una pressatura molto soffice. Il mosto fiore viene sottoposto a una chiarifica statica, successivamente avviene la fermentazione alcolica a temperatura controllata (13-14° C) in serbatoi inox. La presa di spuma avviene in bottiglia secondo il Metodo Classico per circa 40-50 giorni nelle fresche cantine di Cascina Pastori, con successiva permanenza sui lieviti per almeno 36 mesi. Remuage tradizionale su pupitres e dégorgement à la glace. Segue un ideale periodo di affinamento in bottiglia.

    Lo Spumante Metodo Classico Brut Blanc de Blancs prodotto dalla cantina Cascina Pastori Colombo ha un colore dorato, attraversato da un perlage di molto fine e persistente. È la frutta a polpa bianca a rendersi protagonista, arricchita da delicati rimandi floreali e cenni più minerali. Al palato è di buon corpo, equilibrato, piacevole nel presentare una freschezza che alimenta la beva; chiude con un finale persistente, connotato da un retrogusto sapido.

  • ESAURITO

    Colombo-Alta Langa Docg. Metodo Classico Brut ROSE’ Riserva 60mesi 2015

    19,90

    Dopo la raccolta segue una pressatura molto soffice. Il mosto viene sottoposto ad una chiarifica statica e successivamente a fermentazione a temperatura controllata (12 – 13 °C) in serbatoi inox.
    La presa di spuma avviene in bottiglia secondo il Metodo Classico per circa 40-50 giorni nelle fresche cantine sotterranee di Colombo, con successiva permanenza sui lieviti per un periodo minimo di 60 mesi.
    Remuage tradizionale su pupitres e dégorgement à la glace. Segue un ideale periodo di affinamento in bottiglia.

    NOTE DI DEGUSTAZIONE: Colore: rosa buccia di cipolla, perlage fine e molto persistente.
    Profumo: intenso, deciso, profondo e di avvolgente eleganza, sentori minerali che ricordano il talco e la cipria, note tipiche del Pinot Nero di lamponi, ribes rosso, fiori rossi primaverili.
    Sapore: ben equilibrato tra corpo e freschezza, di ottimo struttura, perlage setoso e armonico in bocca, mostra un’interessante sapidità e mineralità, dosaggio morbido e non aggressivo, ottima la persistenza

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno – Barolo DOCG. Riserva “MONFORTINO” 2014 Magnum

    2.352,80

    La punta di diamante dell’enologia italiana. Il leggendario Barolo Riserva Monfortino delle cantine Giacomo Conterno è il fiore all’occhiello di tutta la nostra produzione. L’unica etichetta italiana in grado di competere con le quotazioni delle più blasonate bottiglie francesi, confermandosi come una vera asset allocation per chi intende il vino come investimento alternativo alla Borsa Valori.

    Ma, ovviamente, oltre a rappresentare un importante investimento, il Monfortino è la perfezione nel bicchiere, da bere almeno una volta nella vita. Figlio di una solida quanto semplice filosofia produttiva: secondo Roberto Conterno (nipote del fondatore Giacomo) il buon vino necessita solo di maturità, tempo e travasi. Proveniente dal mitico vigneto Francia, è prodotto solo in grandi annate e viene messo in commercio dopo otto anni di maturazione. Un vino monumentale ed emozionante, il capolavoro assoluto dell’enologia italiana.

    Vinous di Antonio Galloni
    Quando si tratta di paragoni di ogni genere, tutte le scommesse sono aperte con il Monfortino 2014, un Barolo che entra nella stratosfera di una bellezza profonda e assolutamente commovente. Senza soluzione di continuità ed elegante nel bicchiere, con aromi sorprendenti e tannini perfettamente maturi, il 2014 è semplicemente mozzafiato nella sua bellezza. Nel 2014 Roberto Conterno ha atteso molto tardi la raccolta di questo frutto. Il risultato è un Barolo che offre l’opulenza materica del frutto raccolto a fine stagione con la profondità aromatica e la struttura di un vino di un’annata fresca. Più incredibilmente di tutti, il 2014 è analiticamente un vino molto tannico, eppure la sensazione è di un Barolo di morbidezza e opulenza. Un’ondata di frutti di bosco rosso scuro/violaceo, arancia rossa, spezie, tabacco e menta si aggiunge al finale estatico. I lettori che possono trovare il 2014 quando uscirà l’anno prossimo non dovrebbero esitare, come sarà senza dubbio considerato uno dei più grandi Monfortino mai realizzati. Finestra delle bevande 2024-2064. (AG)  (11/2019)

    Wine Advocate di Robert Parker
    Degustato dalla botte, a circa un anno dall’imbottigliamento, il Barolo Riserva Monfortino 2014 si preannuncia essere una vera icona. Da un punto di vista analitico, questa annata registra tannini leggermente superiori (rispetto al 2013), e questo è qualcosa a cui l’enologo Roberto Conterno guarda con attenzione, soprattutto perché tutta la sua filosofia e metodologia premia la longevità. Quello che trovo più interessante qui è la pura densità e rotondità del frutto che sfida le nostre aspettative di questa annata più fresca. Quella ricchezza di frutta scura è perfettamente misurata con la spina dorsale strutturale del vino. Quel rapporto tra frutto e tannino è in definitiva ciò che conferisce a questo vino un senso di equilibrio così preciso.  Data della bevanda 2025-2060. (ML)  (6/2019)

    Valutazioni:   Robert Parker    100/100       Antonio Galloni   100/100      Doctor Wine    99/100

    Quando bere:   2025/2064

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. Riserva “MONFORTINO” 2014

    1.338,70

    Max 1 Bottiglia per cliente

    La punta di diamante dell’enologia italiana. Il leggendario Barolo Riserva Monfortino delle cantine Giacomo Conterno è il fiore all’occhiello di tutta la nostra produzione. L’unica etichetta italiana in grado di competere con le quotazioni delle più blasonate bottiglie francesi, confermandosi come una vera asset allocation per chi intende il vino come investimento alternativo alla Borsa Valori.

    Ma, ovviamente, oltre a rappresentare un importante investimento, il Monfortino è la perfezione nel bicchiere, da bere almeno una volta nella vita. Figlio di una solida quanto semplice filosofia produttiva: secondo Roberto Conterno (nipote del fondatore Giacomo) il buon vino necessita solo di maturità, tempo e travasi. Proveniente dal mitico vigneto Francia, è prodotto solo in grandi annate e viene messo in commercio dopo otto anni di maturazione. Un vino monumentale ed emozionante, il capolavoro assoluto dell’enologia italiana.

    Vinous di Antonio Galloni
    Quando si tratta di paragoni di ogni genere, tutte le scommesse sono aperte con il Monfortino 2014, un Barolo che entra nella stratosfera di una bellezza profonda e assolutamente commovente. Senza soluzione di continuità ed elegante nel bicchiere, con aromi sorprendenti e tannini perfettamente maturi, il 2014 è semplicemente mozzafiato nella sua bellezza. Nel 2014 Roberto Conterno ha atteso molto tardi la raccolta di questo frutto. Il risultato è un Barolo che offre l’opulenza materica del frutto raccolto a fine stagione con la profondità aromatica e la struttura di un vino di un’annata fresca. Più incredibilmente di tutti, il 2014 è analiticamente un vino molto tannico, eppure la sensazione è di un Barolo di morbidezza e opulenza. Un’ondata di frutti di bosco rosso scuro/violaceo, arancia rossa, spezie, tabacco e menta si aggiunge al finale estatico. I lettori che possono trovare il 2014 quando uscirà l’anno prossimo non dovrebbero esitare, come sarà senza dubbio considerato uno dei più grandi Monfortino mai realizzati. Finestra delle bevande 2024-2064. (AG)  (11/2019)

    Wine Advocate di Robert Parker
    Degustato dalla botte, a circa un anno dall’imbottigliamento, il Barolo Riserva Monfortino 2014 si preannuncia essere una vera icona. Da un punto di vista analitico, questa annata registra tannini leggermente superiori (rispetto al 2013), e questo è qualcosa a cui l’enologo Roberto Conterno guarda con attenzione, soprattutto perché tutta la sua filosofia e metodologia premia la longevità. Quello che trovo più interessante qui è la pura densità e rotondità del frutto che sfida le nostre aspettative di questa annata più fresca. Quella ricchezza di frutta scura è perfettamente misurata con la spina dorsale strutturale del vino. Quel rapporto tra frutto e tannino è in definitiva ciò che conferisce a questo vino un senso di equilibrio così preciso.  Data della bevanda 2025-2060. (ML)  (6/2019)

    Valutazioni:   Robert Parker    100/100       Antonio Galloni   100/100      Doctor Wine    99/100

    Quando bere:   2027/2064

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • ESAURITO

    Monte Rossa – Franciacorta Docg. Brut Nature”CABOCHON” Doppio Zero 2014

    0,00

    La costellazione Cabochon nasce da un desiderio: la ricerca, iniziata nel 1985, di una selezione più attenta dei cru della collina di Monte Rossa e di un nuovo sistema di vinificazione che introduceva la barriques per la prima fermentazione del mosto. Cabochon è il punto di arrivo di un percorso emozionante e virtuoso, il desiderio che unito alla determinazione si è trasformato in un brillante firmamento

    È un BRUT NATURE , senza aggiunta di dosaggio zuccherino, ottenuto dalle uve dei migliori cru della Franciacorta ed è il risultato di un invecchiamento sui lieviti per oltre 48 mesi. Il suo carattere deciso e prorompente ne fa un vino di grande spessore e di forte intensità. Colore giallo leggermente dorato con riflessi verdi, perlage fine e persistente. All’olfatto si rivela un vino di grande finezza ed eleganza, con sentori di frutta gialla, note di miele d’acacia, torrone, confetto e pasta di mandorle. In bocca rivela un grandissimo equilibrio, note di agrumi con finale di pompelmo e ribes, richiamo alle mandorle e leggera tostatura.

    Falstaff
    Annata 2014 degustata: ottobre 2020
    Oro chiaro brillante. Naso fragrante e aperto di nocciole tostate, leggermente anche di noci, agrumi lunghi secchi, di cera, finale burroso delicato, molto complesso. Multistrato al palato e con una pressione piena, allo stesso tempo molto elegante e con perlage ottimamente integrato, bella frutta matura accompagna la bevuta, lunga e molto salata nel finale.

    .

    Valutazione:    Falstaff   97/100

    .

    Quando bere:     2021/2026

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • Monte Rossa – Franciacorta Docg. Brut “CABOCHON” 2014

    89,90

    La costellazione Cabochon nasce da un desiderio: la ricerca, iniziata nel 1985, di una selezione più attenta dei cru della collina di Monte Rossa e di un nuovo sistema di vinificazione che introduceva la barriques per la prima fermentazione del mosto.
    Cabochon è il punto di arrivo di un percorso emozionante e virtuoso, il desiderio che unito alla determinazione si è trasformato in un brillante firmamento. Cabochon Brut è un’assemblaggio di Chardonnay 70% e Pinot Nero 30%. L’affinamento sui lieviti dura più di 54 mesi. E’ un vino armonioso, elegante e molto persistente, dalla personalità complessa e ben definita che lo rende tra i più ricercati dagli amatori di tutta la Penisola.

    Colore giallo oro, perlage fine e persistente. All’olfatto rivela sentori di nocciola, pasticceria, uva sultanina, cafè leggero e note di tostato.
    In bocca si presenta un vino ampio e generoso, di grande complessità, bilanciato con fnale acido e salato caratterizzato da note di frutta esotica.

    Falstaff
    Annata 2014 Degustata: settembre 2022
    Giallo brillante con riflessi argentati. Soave leggerezza con note floreali, crosta di pane e cedro. Ottimo inizio al palato, fresco e cremoso allo stesso tempo. Sviluppo lineare con note di burro e agrumi. Finale molto lungo, succoso e fruttato.

    .

    Valutazione:       Falstaff    94/100

    Quando bere:    2021/2028

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Vietti-Barolo docg. Cru “ROCCHE DI CASTIGLIONE” 2014

    143,50

    Da uno dei più importanti cru del comune di Castiglione Falletto, Rocche di Castiglione, nasce questo tradizionale Barolo di Vietti. Viti di 47 anni di età, 29 giorni di fermentazione con macerazione sulle bucce. Affinamento di 31 mesi in botti grandi di rovere. Barolo tradizionale, espressivo e magnifico, tirerà fuori tutta la sua bellezza invecchiando in cantina.

    .

    Vinous /Antonio Galloni

    Il Barolo Rocche di Castiglione 2014 di Vietti si preannuncia essere un classico dei giorni nostri. Perforante, intenso e austero nel senso migliore del termine, il Rocche è un vino dalla concentrazione laser che lascerà le ginocchia deboli agli amanti del Barolo. Ciliegie candite, melograno, kirsch, petali di rosa e sfumature di viola conferiscono al 2014 la sua dolcezza interiore e il profumo accattivante. In una parola: stupefacente. Non perdetelo. (2/2018)

     

    Valutazioni:       Antonio Galloni   98/100               Robert Parker   95/100

    .                          Wine Spectator   94/100               Cellar Tracker   95/100

    .

    Quando bere:  2021/2054

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • ESAURITO

    Produttori del Barbaresco – Barbaresco DOCG. Riserva “MONTESTEFANO” 2014

    59,00

    Il Barbaresco Montestefano dei Produttori del Barbaresco nasce da vigneti esposti a Sud tra 200 e 400 metri di altitudine su terreni con fondo argilloso e ricchi di calcare. Dopo la vendemmia manuale, il vino fermenta in vasche di acciaio a temperatura controllata per 15-24 giorni, prima di iniziare l’invecchiamento in legno per almeno 36 mesi. Dopo altri 6 mesi di riposo in bottiglia il vino è pronto per essere messo in commercio. Da giovane mostra caratteri fruttati, che evolvono poi verso aromi di viola, di fiori secchi e di spezie. Con l’invecchiamento il bouquet rivela una grande ricchezza, una piacevole ampiezza e una importante eleganza.

    Wine Enthusiast
    Gli aromi di sottobosco, frutti di bosco, cuoio e tabacco si mescolano a una nota balsamica. Il palato concentrato e strutturato offre succose amarene, composta di lamponi e liquirizia mentre una nota di grafite sostiene il finale. Una spina dorsale di tannini a grana fine e una brillante acidità gli conferiscono una struttura degna di invecchiamento. Bere 2021–2034.
    Selezione Cantina
    .
    Decanter
    Questa cooperativa di Barbaresco di prim’ordine ha rilasciato una superba serie di Riserve, e questa è tra le migliori. Al naso è denso e solido, infuso di ciliegia e lampone. Soave e corposo, mostra un peso e una profondità impressionanti, con tannini maturi che contribuiscono alla trama. Il finale è speziato, mostrando grinta, finezza e lunghezza. Ottimo equilibrio e potenziale di invecchiamento.
    .
    Wine Spectator

    Sapori di pura ciliegia permeano la polpa ricca di questo rosso, sostenuta da vibrante acidità e tannini fini. Gli elementi di eucalipto, terra e catrame aggiungono profondità mentre questa crociera raggiunge una finitura persistente. Bella intensità. Migliore dal 2021 al 2040.

    .
    Wine Advocate / Robert Parker
    Questo è visibilmente il più scuro per colore e concentrazione di questa serie di vini della nota cooperativa Produttori del Barbaresco. Il Barbaresco Riserva Montestefano 2014 offre frutti rotondi e morbidi con ciliegia scura, mora e alcune spezie facili. Ancora una volta, il vino è un po’ più piatto di quanto avessi sperato, privo di quel livello extra di freschezza scattante.

    Valutazioni:

    Wine Spectator  94/100       Antonio Galloni   95/100      Decanter    94/100

    .                          Robert Parker    93/100         Wine Enthusiast    96/100

    Quando bere:  2022/2048

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • Elena Walch – Vigna Castel Ringberg LAGREIN Riserva 2014

    38,20

    Vinificazione

    Fermentazione in acciaio con macerazione di 10 gg sulle vinacce e successiva fermentazione malolattica in botte. Maturazione per 20 mesi in barrique di legno francese. Dopo l’assemblaggio lungo affinamento in bottiglia

    Degustazione

    Il Lagrein Riserva Vigna “Castel Ringberg” si distingue per il suo intenso e profondo color rosso granato ed il suo raffinato e fruttato bouquet: aromi freschi di mirtilli rossi, ribes e ciliegie si uniscono a delicate note di tabacco e di cioccolato. Tannini morbidi e vellutati. La sua struttura fresca e speziata, l’eleganza giovanile e tanto fascino uniti alla persistenza minerale e stimolante convincono al palato.

     

  • Elena Walch – Vigna Kastelaz MERLOT Riserva 2014

    39,60

    Vinificazione

    Fermentazione in acciaio con macerazione di 10 gg sulle vinacce e successiva fermentazione malolattica in botte. Maturazione per 18 mesi in barrique di legno francese. Dopo l’assemblaggio lungo affinamento in bottiglia

    Degustazione

    Un fresco e brillante color rubino intenso caratterizza il Merlot Riserva Vigna “Kastelaz”. Al naso il vino si presenta intenso e puro con sentori di amarena e prugna accompagnate da un soffio di note caramellate e tostatura delicata. Tannini morbidi e vellutati, testura morbida, sapidità speziata, concentrazione fruttata ed eleganza filigrana si sposano al palato. Un charmeur invitante ed attraente.

    Valutazioni:   james Suckling   94/100      Wine Spectator   90/100

     

  • Tenuta dell’Ornellaia – Toscana Igt. “MASSETO” 2014

    878,40

    Max. 1 bt. per cliente

    Il Masseto è uno dei vini Supertuscan più famosi, prodotto interamente da Merlot . È prodotto dalla Tenuta dell’Ornellaia ed è noto per la sua complessità aromatica, frutto opulento e struttura tannica, ed è costantemente considerato uno dei migliori vini al mondo con prezzi d’asta da abbinare. E’ classificato IGT Toscana .

    Il sito di 6,6 ettari (16,3 acri), un’ex cava di argilla, è stato identificato dal famoso enologo André Tchelistcheff come avente un grande potenziale per il Merlot. Ciò è dovuto al suo elevato contenuto di argilla compatta, in particolare nella porzione centrale, con suoli più sassosi e sabbiosi nelle porzioni superiore ed inferiore. Il vigneto è gestito in piccoli appezzamenti e, nonostante le sue modeste dimensioni, la vendemmia può richiedere fino a un mese.

    La fermentazione e la macerazione durano in genere circa 25 giorni, a piacimento, a seconda della qualità del frutto, dopodiché i vini vengono trasferiti in barriques 100% nuove di rovere francese per la fermentazione malolattica. I vini trascorrono 12 mesi in rovere prima di essere assemblati, dopodiché il blend finale trascorre altri 12 mesi in rovere prima di essere imbottigliato. Tenuta dell’Ornellaia è senza dubbio una delle proprietà blue-chip d’Italia. La splendida e tentacolare tenuta si trova a Bolgheri nella Maremma Toscana.

    NOTE DI DEGUSTAZIONE: In un’annata in cui la qualità del terroir, la pazienza e il rigore degli
    operai ha permesso di ottenere la piena maturazione, il Masseto 2014 rappresenta un’espressione particolarmente elegante e raffinata. Di colore intenso, al naso rivela immediatamente complessità e freschezza
    con sentori di frutti a bacca rossa, spezie dolci e un leggero aroma di legno tostato. Al palato, setoso con
    una trama fine e morbida, supportata da vibranti note fruttate e una vivace acidità, tutte perfettamente
    integrate. Un lungo intenso finale conclude la degustazione.

     

    Valutazioni:  Wine spectator   94/100    Robert Parker  94/100      Falstaff    95/100

    .                     James Suckling  97/100      Cellar Tracker   94/100

    Quando bere:   2019/2035

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • Tenuta dell’Ornellaia – Bolgheri Doc. Superiore Rosso “ORNELLAIA” 2014 Etichetta d’Autore Sp. Ed. “L’ESSENZA”

    298,70

    “Ornellaia” è un prestigioso capolavoro enologico, simbolo per eccellenza del vino made in Italy. Proviene da Bolgheri, meraviglioso angolo di Toscana che ha stregato artisti e personalità di ogni tempo e che si è reso celebre per essere una terra in cui il taglio bordolese regala prodotti di straordinaria finezza e personalità. Tutto questo, infatti, è Ornellaia, vino più rappresentativo di Tenute dell’Ornellaia. Esso vuole essere la sintesi perfetta tra l’eleganza, che da sempre definisce la cantina e i suoi prodotti, e lo stile dell’annata. L’imperativo della cantina è la qualità, che si traduce in un’accuratissima attenzione ai dettagli. Solo così possono nascere dei Supertuscan che svettano, in Italia e nel mondo, per precisione e classe.

    Il Bolgheri Rosso Superiore “Ornellaia” è un taglio bordolese, ripartito in Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot. La raccolta delle uve viene realizzata a mano ed è preceduta da numerose analisi e veri e propri assaggi degli acini, al fine di valutare al meglio il grado di maturazione e l’equilibrio delle componenti. Ciò permette di operare una prima selezione già in vigna, seguita poi da una doppia cernita in cantina. Le uve vengono vinificate separatamente in base al cru di provenienza, così da poter realizzare il taglio più espressivo di “Ornellaia”. La fermentazione alcolica si svolge in tini di acciaio inox, mentre quella malolattica avviene principalmente all’interno di barrique di rovere. Dopo un primo affinamento di 12 mesi in barrique viene creata la cuvee, successivamente reintrodotta in legno per ultimare l’affinamento con altri 6 mesi circa. La maturazione in bottiglia richiede altri 12 mesi di paziente attesa.

    “L’annata 2014 di Ornellaia è stata una delle più impegnative di cui abbiamo memoria, tuttavia ci ha consentito di produrre vini di alta qualità in grado di offrire una grande piacevolezza. La maturazione tardiva dell’uva ha permesso al frutto di esprimere al massimo la sua vivacità e la sua freschezza. Ciò che colpisce in particolare è l’elevata qualità dei tannini al palato: setosi, raffinati, senza spigolosità. Questa annata rappresenta il cuore della tenuta, “L’Essenza” di Ornellaia: il suo stile naturale, l’eccezionale qualità del suo terroir e l’abilità di coloro che lavorano nei vigneti e nella cantina.” Axel Heinz – Maggio 2015

    Valutazioni:

    James Suckling   95/100      Robert Parker    94/100        Antonio Galloni     91/100      Falstaff    92/100

    Quando bere:   2019/2036

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

  • Tenuta dell’Ornellaia – Bolgheri Doc. Superiore Rosso “ORNELLAIA” 2014

    217,80

    “Ornellaia” è un prestigioso capolavoro enologico, simbolo per eccellenza del vino made in Italy. Proviene da Bolgheri, meraviglioso angolo di Toscana che ha stregato artisti e personalità di ogni tempo e che si è reso celebre per essere una terra in cui il taglio bordolese regala prodotti di straordinaria finezza e personalità. Tutto questo, infatti, è Ornellaia, vino più rappresentativo di Tenute dell’Ornellaia. Esso vuole essere la sintesi perfetta tra l’eleganza, che da sempre definisce la cantina e i suoi prodotti, e lo stile dell’annata. L’imperativo della cantina è la qualità, che si traduce in un’accuratissima attenzione ai dettagli. Solo così possono nascere dei Supertuscan che svettano, in Italia e nel mondo, per precisione e classe.

    Il Bolgheri Rosso Superiore “Ornellaia” è un taglio bordolese, ripartito in Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot. La raccolta delle uve viene realizzata a mano ed è preceduta da numerose analisi e veri e propri assaggi degli acini, al fine di valutare al meglio il grado di maturazione e l’equilibrio delle componenti. Ciò permette di operare una prima selezione già in vigna, seguita poi da una doppia cernita in cantina. Le uve vengono vinificate separatamente in base al cru di provenienza, così da poter realizzare il taglio più espressivo di “Ornellaia”. La fermentazione alcolica si svolge in tini di acciaio inox, mentre quella malolattica avviene principalmente all’interno di barrique di rovere. Dopo un primo affinamento di 12 mesi in barrique viene creata la cuvee, successivamente reintrodotta in legno per ultimare l’affinamento con altri 6 mesi circa. La maturazione in bottiglia richiede altri 12 mesi di paziente attesa.

    “L’annata 2014 di Ornellaia è stata una delle più impegnative di cui abbiamo memoria, tuttavia ci ha consentito di produrre vini di alta qualità in grado di offrire una grande piacevolezza. La maturazione tardiva dell’uva ha permesso al frutto di esprimere al massimo la sua vivacità e la sua freschezza. Ciò che colpisce in particolare è l’elevata qualità dei tannini al palato: setosi, raffinati, senza spigolosità. Questa annata rappresenta il cuore della tenuta, “L’Essenza” di Ornellaia: il suo stile naturale, l’eccezionale qualità del suo terroir e l’abilità di coloro che lavorano nei vigneti e nella cantina.” Axel Heinz – Maggio 2015

    Valutazioni:

    James Suckling   95/100      Robert Parker    94/100        Antonio Galloni     91/100      Falstaff    92/100

    Quando bere:   2019/2036

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.