Roberto Voerzio-Barolo Docg. “VECCHIE VITI DEI CAPALOT E DELLE BRUNATE” 2001 Magnum

433,50

Trattativa Riservata

Il Barolo Vecchie Viti Capalot e delle Brunate fu prodotto dal 1995 a metà anni 2000 solamente in formato magnum, il migliore per la conservazione dei vini. Due micro pezzi di vigna unite, tutte situate a La Morra, ma con caratteristiche diverse: Capalot da vini eleganti ma con un tannino asciutto, Brunate gode di un’esposizione perfetta a sud e dona nebbioli seppur profumatissimi ma di carattere leggermente più duri. Il vino svolge un affinamento per 24 mesi in barrique, più un lungo affinamento in acciaio e bottiglia. Un Barolo di struttura, note balsamiche, austero, raffinato, con grande dolcezza sul finale

Note Produttive: fermentazione in vasche di acciaio. Affinamento in barrique per 24 mesi e 8 mesi in vasche di acciaio.

Valutazioni:     Robert Parker     96/100        Wine Spectator    94/100

Quando bere:  2013/2026

Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

 

Solo 1 pezzi disponibili

Descrizione

Roberto Voerzio fondò la sua cantina nel 1986 a La Morra, piccola frazione nel cuore delle Langhe. Inizialmente esteso per soli 2 ettari, oggi il vigneto ne ricopre ben 20, grazie all’acquisizione negli anni dei cru più prestigiosi e storici per la produzione di Barolo, come La Serra, Brunate, Cerequio, Sarmassa, Rocche dell’Annunziata, Fossati, Case Nere, e di ottimi vigneti per il Dolcetto, la Barbera, il Nebbiolo e il Merlot. Concimazione manuale con letame di mucca o humus, potatura molto corta con 5-8 gemme per pianta, due successivi diradamenti e una resa molto bassa garantiscono a Voerzio di vendemmiare ogni anno solo uva molto sana e matura, ricca di zuccheri, aromi e profumi.

In tutte le varie operazioni in cantina Roberto Voerzio non utilizza alcuna sostanza che possa alterare la natura del vino. La fermentazione alcolica può durare fino a 30 giorni e avviene spontaneamente senza aggiunta di lieviti. In seguito alla fermentazione malolattica in vasche d’acciaio tutti i vini, tranne il Dolcetto, vengono affinati in legno.

I vini della cantina Voerzio non subiscono alcuna filtrazione e hanno una grande attitudine all’invecchiamento: il vigneron consiglia infatti di berli dopo almeno 5-6 anni di affinamento in bottiglia e afferma che sono in grado di evolvere nell’arco di 20-30 anni.

Grazie al suo lavoro meticoloso, quasi maniacale, e ad una ricerca accuratissima Voerzio riesce a produrre dei vini di straordinaria purezza e di elevatissima qualità, eleganti e capaci di esprimere al meglio il territorio. Vini che non possono mancare nelle cantine di ogni grande cultore del vino.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Paese

Regione

Vitigni

Gradazione

Formato