Antinori-Tenuta Tignanello – Toscana Igt. “SOLAIA” 2015

448,40

Tenuta Tignanello si trova nel cuore del Chianti Classico, sulle morbide colline racchiuse tra le valli della Greve e della Pesa e si estende per 319 ettari di terreni, con circa 130 ettari vitati. Tra i suoi vigneti, due tesori: il vigneto Tignanello e il vigneto Solaia che si estendono sulla medesima collina, su terreni derivanti da marne marine del Pliocene con calcare e scisto, e godono di giorni caldi e notti fresche durante la stagione della crescita.

James Suckling
Il naso di questo Solaia è davvero fenomenale con ribes, more, rose e violette. Così profumato. Corposo e tutto è sotto controllo e armonia con tannini levigati che durano per minuti. Purezza e concentrazione. È il più grande Solaia di sempre? Già così bevibile, ma questo è un vino per secoli a venire. *Classificato #1, Vino Italiano dell’Anno 2018*. (9/2018)

Wine Advocate di Robert Parker
Il nome stesso Solaia evoca il concetto di sole e questo unico archetipo di vino toscano a cui mi riferisco. Con l’annata 2015 Solaia è sole liquido non solo di nome ma anche di fatto. Il profumo è subito morbido e sensuale con frutta scura, spezie e tabacco dolce. Al palato mostra intensità e potenza, ma non si ottengono residui pesanti dall’estratto secco (misurato a 33 grammi per litro). Il vino risulta infatti lucido, tonico e fresco. E’ composto prevalentemente da Cabernet Sauvignon con Sangiovese e una minima parte Cabernet Franc. C’è un po’ di croccantezza o schiocco che arriva grazie all’uva Sangiovese più incline all’acidità (il vino misura 3,5 in pH). Infine, i tannini sono meravigliosamente dolci e maturi. Questo vino è meticolosamente eseguito e l’annata 2015 è all’altezza di un ideale di ciò che immaginiamo sia Solaia. (9/2018)

Vinous / Antonio Galloni
Il Solaia 2015 non si è mosso molto da quando l’ho assaggiato l’anno scorso. Nel bicchiere, il 2015 è sorprendentemente fresco e vibrante per l’annata. Confettura di more, arancia rossa, cioccolato, liquirizia, chiodi di garofano, lavanda e mentolo sono tutti intrecciati insieme, ma il 2015 ha bisogno di tempo per mostrare tutta la sua bellezza, perché qui c’è un sacco di cose da fare. (8/2019)

Wine Enthusiast
Corposo ed elegante, questo splendido rosso offre aromi di bacche mature dalla buccia scura, fragranti fiori blu, spezie, mentolo e un soffio di cuoio nuovo. È strutturato e carico di finezza, offrendo cassis, marasca matura, liquirizia e tabacco su una solida struttura di tannini levigati e vellutati. L’acidità sorprendentemente fresca per l’annata calda lo mantiene equilibrato. Ha bisogno ancora di qualche anno per svilupparsi completamente. (4/2019)

Valutazioni:

Robert Parker    100/100           Falstaff    100/100      Wine Spectator    98/100

James Suckling   100/100     Wine Entusiast    98/100     Antonio Galloni    98/100

Quando bere:   2020/2050

Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

 

Disponibile

Descrizione

Una passione che si tramanda da 26 generazioni

La famiglia Antinori si dedica alla produzione vinicola da più di seicento anni: da quando, nel 1385, Giovanni di Piero Antinori entrò a far parte dell’ Arte Fiorentina dei Vinattieri. In tutta la sua lunga storia, attraverso 26 generazioni, la famiglia ha sempre gestito direttamente questa attività con scelte innovative e talvolta coraggiose ma sempre mantenendo inalterato il rispetto per le tradizioni e per il territorio. Oggi la società è presieduta da Albiera Antinori, con il supporto delle due sorelle Allegra e Alessia, coinvolte in prima persona nelle attività aziendali. Il padre, Marchese Piero Antinori, è attualmente il Presidente Onorario della società. Tradizione, passione ed intuizione sono state le qualità trainanti che hanno condotto i Marchesi Antinori ad affermarsi come uno dei principali produttori italiani di vini di alta qualità.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Gradazione

Paese

Regione

Formato