• CONTERNO Fantino – Langhe Chardonnay DOC. “BASTIA” 2020

    28,70

    Le uve di questo Chardonnay nobile, esotico e affinato in barrique, provengono dai vigneti di Bricco Bastia e Ginestra e il risultato è un bianco brillante e vivace in edizione minima. Bouquet pieno e a frutto giallo, rotondo e allo stesso tempo molto fresco al palato, molto teso e asciutto, l’acidità naturale accompagna armoniosamente in un finale complesso e vitale. Con un po’ più di maturazione in bottiglia, dovrebbe continuare a migliorare.

    “Sempre una delizia speciale da gustare, il Conterno Fantino 2020 Langhe Chardonnay Bastia è un vino delizioso e generoso. Questo Chardonnay offre pesca e melone maturi, e quel frutto è tagliato nettamente con minerali, spezie e pane tostato. Alla fine della giornata, questo vino è davvero tutto generosità, pienezza e struttura. Vanta un palato cremoso semi-ricco che avvolge dolcemente i tuoi sensi. Si conclude con note finali agrumate.” ROBERT PARKER

    .

    Valutazioni:           Robert Parker  91/100

    .Quando bere:  2022/2028

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. Vigna “SORI’ GINESTRA” 2018

    79,50
    La selezione manuale delle uve e l’affinamento di 24 mesi in legno seguito dal riposo di un anno in bottiglia permettono di ottenere un vino rosso bio austero, potente, con aromi fruttati e balsamici e una struttura importante. Lunghissime potenzialità di evoluzione in bottiglia nel silenzio della cantina.
    .

    “Super rotondo, ricco e concentrato con abbondanza di frutti di bosco luminosi, insieme a note speziate e fresche di buccia di agrumi. C’è un sottofondo setoso di minerali argillosi che funge da base per questo Barolo corposo con grana fine, ben tannini in bilico che portano il frutto e la spezia attraverso il lungo, lungo finale. Retrogusto cremoso e minerale. Niente di sopravvalutato, solo davvero intricato e ben definito. Ottimo da gustare ora, ma dovremo aspettare almeno fino al 2025 perché questo mostri la sua migliore.” JAMES SUCKLING

    “Ginestra è un grande e bellissimo sito di coltivazione a Monforte d’Alba che riceve la luce del mattino e gode di viste panoramiche di fronte al castello di Serralunga d’Alba. Il Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra Conterno Fantino 2018 è sempre una delle mie migliori scelte da questo bellissimo angolo della denominazione. Questo Barolo è ampio e generoso, eppure al palato colpisce con precisione e nitidezza concentrata. Il profumo offre frutti di bosco, cassis, rosa, mentolo, terra e pigiato d’anice. Questo è un vino impressionante e degno dell’invecchiamento .” ROBERT PARKER

    .

    Valutazioni:           Robert Parker  96/100      James Suckling   96/100

    .

    Quando bere:  2025/2048

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “MOSCONI VIGNA PED” 2018

    68,00
    Questo Barolo “Mosconi” nasce dall’utilizzo in purezza di un grande vitigno a bacca rossa piemontese, il Nebbiolo. Le viti di questa varietà crescono in parcelle di proprietà di Conterno Fantino comprese all’interno del comune di Monforte d’Alba.
    Affinate in barrique di rovere francese per 24 mesi, e ulteriore periodo di affinamento di 12 mesi, direttamente in vetro.
    Probabilmente uno dei Barolo più indipendenti e non omologati. Profumo imponente e molto complesso di catrame, fumo, liquirizia, terra bruciata, frutti scuri e sassolini. Con un po’ di aerazione poi frutti rossi scuri, ricchi, spezie esotiche e pancetta affumicata. Poi molto virile, cupo e muscoloso nella beva, con un emozionante contrasto di austerità e dolcezza dell’estratto. L’opulenza e l’intensità delle impressioni gustative e il tannino ancora monumentale danno l’idea di quale grande rosso dalla forte personalità stia maturando in bottiglia.
    .

    JAMES SUCKLING

    .

    Valutazioni:

    James Suckling    95/100        Robert Parker  94/100

    Quando bere:      2025/2045

     

  • ESAURITO

    CONTERNO Fantino – Nebbiolo Langhe DOC. “GINESTRINO” 2021

    19,70

    Il Nebbiolo “Ginestrino” di Conterno Fantino è un’espressione tipica e tradizionale delle Langhe. Grazie ad un affinamento in legno piuttosto breve e a un’accurata vinificazione, esprime tutta l’eleganza, la freschezza e l’estrema piacevolezza di beva del Nebbiolo giovane. Al naso regala profumi delicatamente floreali, aromi di piccoli frutti a bacca rossa impreziositi da un tocco di spezie. Il sorso è scattante, fresco e fruttato, con aromi fragranti e finale di buona persistenza gustativa. La vendemmia manuale delle uve ha inizio verso metà ottobre e la fermentazione si svolge in vinificatori orizzontali in acciaio, con una macerazione sulle bucce piuttosto breve, della durata di 6-8 giorni. La successiva maturazione avrà luogo poi in barrique di rovere francese di secondo passaggio per 10 mesi e completa l’affinamento con qualche mese in bottiglia prima della messa in vendita.

    Valutazioni:  Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:  2022/2026

  • CONTERNO Fantino – Barbera d’Alba DOC. “VIGNOTA” 2021

    16,30

    Con la Barbera d’Alba “Vignota”, la cantina Conterno Fantino dimostra di saper pienamente conoscere quella che è una tra le più importanti varietà vitate piemontesi. Equilibrata, ricca e generosa, questa Barbera, dopo la fermentazione, riposa per dieci mesi in barrique di secondo passaggio. Offre garanzie e propone belle sensazioni organolettiche, tanto al naso quanto al palato.

    Affinamento:  10 mesi in barrique di secondo passaggio

    Rosso rubino intenso il colore. Amarena e more mature aprono l’olfattiva, che poi si sviluppa su sentori di cuoio, di tabacco e di salvia. La bocca è morbida e gustosa, gradevolmente sapida, fresca e finemente tannica. Buona la persistenza.

    Valutazioni:      Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:  dal 2022

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “SORI’ GINESTRA” 2017 Magnum

    145,70
    La selezione manuale delle uve e l’affinamento di 24 mesi in legno seguito dal riposo di un anno in bottiglia permettono di ottenere un vino rosso bio austero, potente, con aromi fruttati e balsamici e una struttura importante. Lunghissime potenzialità di evoluzione in bottiglia nel silenzio della cantina.
    .

    “Il Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra 2017 è un altro vino splendido ed espressivo in questa gamma. Ampio e ampio, il 2017 cattura tutta la personalità di questo sito. Frutta a polpa scura, spezie, mentolo, liquirizia, caffè espresso, fiori secchi e pino infondere al 2017 una miriade di strati di dimensione. C’è molta energia e tannino di Ginestra, quindi qualche anno di invecchiamento è d’obbligo.” VINOSO

    “Piuttosto floreale e fruttato con fragola candita e alcune sfumature di ciliegia e nocciolo. È pieno e scorre attraverso il palato. Tannini cremosi e rotondi molto fini. Amichevoli e seducenti, soprattutto per un 2017.” JAMES SUCKLING

    “Un vino importante e da cantina, il Conterno Fantino 2017 Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra mostra frutta matura e frutti di bosco, con toni di sottofondo di erbe grigliate, liquirizia e fiori blu pressati. Ci sono sentori di eucalipto e pepe bianco che aggiungono ulteriore slancio e intensità al bouquet.Questo è un vino eccellente, molto diverso dall’epica annata 2016, che ha segnato 98 punti straordinari e meritati, questa annata non raggiunge quel livello stratosferico di complessità o profondità.Quando è pronto per aperto, si noti che ha una gradazione alcolica del 15%, quindi probabilmente un pasto al tartufo elaborato è d’obbligo.” ROBERT PARKER

    “Colore rubino tenue dal colore denso, carico di intrigante leggerezza fogliare con menta fresca, melograno e rosa canina. Brilla per la sua eleganza. Una concentrazione di agrumi e frutti più scuri si sovrappone ad acidità fresca e tannini solidi e muscolari tipici della Ginestra – nella mia esperienza questo Sorì può essere ancora più austero nelle migliori annate. Salutato come un’annata calda, il 2017 qui esprime una straordinaria freschezza con un finale agrumato. Eccezionale potenziale di invecchiamento”. DECANTER

    .

    Valutazioni:     Antonio Galloni    94/100        Robert Parker  95/100

    .                                 Decanter    97/100       James Suckling   95/100

    Quando bere:  2023/2044

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “SORI’ GINESTRA” 2017

    71,40
    La selezione manuale delle uve e l’affinamento di 24 mesi in legno seguito dal riposo di un anno in bottiglia permettono di ottenere un vino rosso bio austero, potente, con aromi fruttati e balsamici e una struttura importante. Lunghissime potenzialità di evoluzione in bottiglia nel silenzio della cantina.
    .

    “Il Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra 2017 è un altro vino splendido ed espressivo in questa gamma. Ampio e ampio, il 2017 cattura tutta la personalità di questo sito. Frutta a polpa scura, spezie, mentolo, liquirizia, caffè espresso, fiori secchi e pino infondere al 2017 una miriade di strati di dimensione. C’è molta energia e tannino di Ginestra, quindi qualche anno di invecchiamento è d’obbligo.” VINOSO

    “Piuttosto floreale e fruttato con fragola candita e alcune sfumature di ciliegia e nocciolo. È pieno e scorre attraverso il palato. Tannini cremosi e rotondi molto fini. Amichevoli e seducenti, soprattutto per un 2017.” JAMES SUCKLING

    “Un vino importante e da cantina, il Conterno Fantino 2017 Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra mostra frutta matura e frutti di bosco, con toni di sottofondo di erbe grigliate, liquirizia e fiori blu pressati. Ci sono sentori di eucalipto e pepe bianco che aggiungono ulteriore slancio e intensità al bouquet.Questo è un vino eccellente, molto diverso dall’epica annata 2016, che ha segnato 98 punti straordinari e meritati, questa annata non raggiunge quel livello stratosferico di complessità o profondità.Quando è pronto per aperto, si noti che ha una gradazione alcolica del 15%, quindi probabilmente un pasto al tartufo elaborato è d’obbligo.” ROBERT PARKER

    “Colore rubino tenue dal colore denso, carico di intrigante leggerezza fogliare con menta fresca, melograno e rosa canina. Brilla per la sua eleganza. Una concentrazione di agrumi e frutti più scuri si sovrappone ad acidità fresca e tannini solidi e muscolari tipici della Ginestra – nella mia esperienza questo Sorì può essere ancora più austero nelle migliori annate. Salutato come un’annata calda, il 2017 qui esprime una straordinaria freschezza con un finale agrumato. Eccezionale potenziale di invecchiamento”. DECANTER

    .

    Valutazioni:     Antonio Galloni    94/100        Robert Parker  95/100

    .                                 Decanter    97/100       James Suckling   95/100

    Quando bere:  2023/2044

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “MOSCONI VIGNA PED” 2017

    63,90
    Questo Barolo “Mosconi” nasce dall’utilizzo in purezza di un grande vitigno a bacca rossa piemontese, il Nebbiolo. Le viti di questa varietà crescono in parcelle di proprietà di Conterno Fantino comprese all’interno del comune di Monforte d’Alba.
    Affinate in barrique di rovere francese per 24 mesi, e ulteriore periodo di affinamento di 12 mesi, direttamente in vetro.
    Probabilmente uno dei Barolo più indipendenti e non omologati. Profumo imponente e molto complesso di catrame, fumo, liquirizia, terra bruciata, frutti scuri e sassolini. Con un po’ di aerazione poi frutti rossi scuri, ricchi, spezie esotiche e pancetta affumicata. Poi molto virile, cupo e muscoloso nella beva, con un emozionante contrasto di austerità e dolcezza dell’estratto. L’opulenza e l’intensità delle impressioni gustative e il tannino ancora monumentale danno l’idea di quale grande rosso dalla forte personalità stia maturando in bottiglia.
    .
    “Il Barolo Mosconi Vigna Ped 2017 trae i suoi frutti da un piccolo appezzamento di vigneto di meno di un ettaro composto da terreni sabbiosi, limosi e argillosi. Questo vino speciale mostra frutti scuri con ciliegia e ribes nero, il tutto seguito da spezie, catrame e terra Le condizioni di coltivazione calde e secche del 2017 conferiscono maggiore intensità e concentrazione, con tannini decisi che tengono insieme il tutto.Le fresche altitudini comprese tra 360 e 380 metri sul livello del mare e le condizioni generali di Monteforte d’Alba fanno sì che questo vino mostri buona integrazione». ROBERT PARKER

    “Il Barolo Mosconi Vigna Ped 2017 è profondo, risonante ed espansivo, come tendono ad essere i vini di questo sito. In questa degustazione, il Mosconi è meravigliosamente profondo. La sua statura da sola è avvincente. Eppure c’è così tanto nel Mosconi. Lettori troverà un Barolo che fonde insieme un’espressione di frutta ricca e filante con molta struttura che avvolge tutto insieme. Ricchi frutti rossi, arancia rossa, catrame, spezie e cedro si sviluppano man mano che il 2017 guadagna volume fino al finale”. VINOUS

    “Un sacco di frutta rossa e catrame qui con corteccia e anche funghi. È corposo, ma stretto e levigato al palato. Finale stretto. Catrame e agrumi bruciati al frutto nel retrogusto. Uno dei migliori vini di qui in anni, questo ha bisogno di un po’ di affinamento in bottiglia per aprirsi e ammorbidirsi.” JAMES SUCKLING

    .

    Valutazioni:

    James Suckling    98/100        Robert Parker  94/100        Antonio Galloni    95/100

    Quando bere:      2025/2046

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “VIGNA DEL GRIS” 2017 Magnum

    124,90
    Il “Vigna del Gris” Barolo nasce dall’utilizzo in purezza di un vitigno simbolo dell’enologia piemontese, il Nebbiolo. Le viti di questa varietà crescono con il sistema del guyot in un regime biologico, all’interno del cru che dà il nome stesso all’etichetta, la vigna del Gris, esposta verso sud e sud-est.
    Nasce da un’accuratissima selezione dei grappoli di nebbiolo, che fermentano a contatto con le bucce per poi maturare due anni in barrique e uno in bottiglia.
    Le uve per la Vigna del Gris, di grande profondità, provengono da vigne di oltre 40 anni di età dell’omonima parcella di circa 1 ettaro. Il bouquet è seducentemente armonico, con un approccio convincente, leggero e potente allo stesso tempo. Al palato, tannini decisi e molta spezia, con grande struttura e molto succoso. Finale lungo e ricco. Non commettete l’errore di stappare questo vino prima che abbia acquisito maturità, personalità ed eleganza dopo più anni in bottiglia.
    .
    VINOUS / ANTONIO GALLONI
    “Il Barolo Ginestra Vigna del Gris 2017 è il classico Gris. Luminoso, concentrato e teso al tatto, il 2017 offre un’intera gamma di note di testa floreali e speziate che conferiscono al vino una freschezza eccezionale. Al palato, il Gris è un po’ nervoso, come sempre, ma con un equilibrio e una classe superbi. I tannini possono essere un po’ spigolosi qui, ma il 2017 tiene tutto sotto controllo. Questo è un vino così carino”. 
    .
    WINE ADVOCATE DI ROBERT PARKER

    Amo sempre la purezza degli aromi conferiti nel vino da questo sito di 1,8 ettari con suoli sciolti e ben drenanti nel celebre cru Ginestra di Monforte d’Alba. Il Barolo Ginestra Vigna del Gris Conterno Fantino 2017 vanta un sapore leggermente più delicato e approccio aromatico fine, trama più fitta e una personalità quasi fragile.Tuttavia, le calde condizioni dell’annata 2017 fanno la loro parte per costruire la potenza concentrata e il peso del frutto di questo Barolo.Ho trovato questo vino più reticente in termini di bocca; tuttavia, questo potrebbe essere un riflesso della mia prima degustazione.

    .

    JAMES SUCKLING
    Questo è estremamente profumato con petali di rosa e scorza d’arancia al carattere di fragola matura e ciliegia. Palato pieno e intenso con strati di frutta e tannini decisi e polverosi. Gommoso sul finale, ma c’è molta frutta.”

    .

    Valutazioni:          Wine Spectator    95/100        Robert Parker  93+/100   

    .                                James Suckling   95/100         Antonio Galloni   93/100

    .

    Quando bere:  2025/2042

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “VIGNA DEL GRIS” 2017

    59,50
    Il “Vigna del Gris” Barolo nasce dall’utilizzo in purezza di un vitigno simbolo dell’enologia piemontese, il Nebbiolo. Le viti di questa varietà crescono con il sistema del guyot in un regime biologico, all’interno del cru che dà il nome stesso all’etichetta, la vigna del Gris, esposta verso sud e sud-est.
    Nasce da un’accuratissima selezione dei grappoli di nebbiolo, che fermentano a contatto con le bucce per poi maturare due anni in barrique e uno in bottiglia.
    Le uve per la Vigna del Gris, di grande profondità, provengono da vigne di oltre 40 anni di età dell’omonima parcella di circa 1 ettaro. Il bouquet è seducentemente armonico, con un approccio convincente, leggero e potente allo stesso tempo. Al palato, tannini decisi e molta spezia, con grande struttura e molto succoso. Finale lungo e ricco. Non commettete l’errore di stappare questo vino prima che abbia acquisito maturità, personalità ed eleganza dopo più anni in bottiglia.
    .
    VINOUS / ANTONIO GALLONI
    “Il Barolo Ginestra Vigna del Gris 2017 è il classico Gris. Luminoso, concentrato e teso al tatto, il 2017 offre un’intera gamma di note di testa floreali e speziate che conferiscono al vino una freschezza eccezionale. Al palato, il Gris è un po’ nervoso, come sempre, ma con un equilibrio e una classe superbi. I tannini possono essere un po’ spigolosi qui, ma il 2017 tiene tutto sotto controllo. Questo è un vino così carino”. 
    .
    WINE ADVOCATE DI ROBERT PARKER

    Amo sempre la purezza degli aromi conferiti nel vino da questo sito di 1,8 ettari con suoli sciolti e ben drenanti nel celebre cru Ginestra di Monforte d’Alba. Il Barolo Ginestra Vigna del Gris Conterno Fantino 2017 vanta un sapore leggermente più delicato e approccio aromatico fine, trama più fitta e una personalità quasi fragile.Tuttavia, le calde condizioni dell’annata 2017 fanno la loro parte per costruire la potenza concentrata e il peso del frutto di questo Barolo.Ho trovato questo vino più reticente in termini di bocca; tuttavia, questo potrebbe essere un riflesso della mia prima degustazione.

    .

    JAMES SUCKLING
    Questo è estremamente profumato con petali di rosa e scorza d’arancia al carattere di fragola matura e ciliegia. Palato pieno e intenso con strati di frutta e tannini decisi e polverosi. Gommoso sul finale, ma c’è molta frutta.”

    .

    Valutazioni:          Wine Spectator    95/100        Robert Parker  93+/100   

    .                                James Suckling   95/100         Antonio Galloni   93/100

    .

    Quando bere:  2025/2042

     

  • ESAURITO

    CONTERNO Fantino – Nebbiolo Langhe DOC. “GINESTRINO” 2020

    19,20

    Il Nebbiolo “Ginestrino” di Conterno Fantino è un’espressione tipica e tradizionale delle Langhe. Grazie ad un affinamento in legno piuttosto breve e a un’accurata vinificazione, esprime tutta l’eleganza, la freschezza e l’estrema piacevolezza di beva del Nebbiolo giovane. Al naso regala profumi delicatamente floreali, aromi di piccoli frutti a bacca rossa impreziositi da un tocco di spezie. Il sorso è scattante, fresco e fruttato, con aromi fragranti e finale di buona persistenza gustativa. La vendemmia manuale delle uve ha inizio verso metà ottobre e la fermentazione si svolge in vinificatori orizzontali in acciaio, con una macerazione sulle bucce piuttosto breve, della durata di 6-8 giorni. La successiva maturazione avrà luogo poi in barrique di rovere francese di secondo passaggio per 10 mesi e completa l’affinamento con qualche mese in bottiglia prima della messa in vendita.

    Valutazioni:  Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:  2022/2026

  • CONTERNO Fantino – Barbera d’Alba DOC. “VIGNOTA” 2020

    16,00

    Con la Barbera d’Alba “Vignota”, la cantina Conterno Fantino dimostra di saper pienamente conoscere quella che è una tra le più importanti varietà vitate piemontesi. Equilibrata, ricca e generosa, questa Barbera, dopo la fermentazione, riposa per dieci mesi in barrique di secondo passaggio. Offre garanzie e propone belle sensazioni organolettiche, tanto al naso quanto al palato.

    Affinamento:  10 mesi in barrique di secondo passaggio

    Rosso rubino intenso il colore. Amarena e more mature aprono l’olfattiva, che poi si sviluppa su sentori di cuoio, di tabacco e di salvia. La bocca è morbida e gustosa, gradevolmente sapida, fresca e finemente tannica. Buona la persistenza.

    Valutazioni:      Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:  dal 2022

  • CONTERNO Fantino – Nebbiolo Langhe “GINESTRINO” 2019 Magnum

    43,00

    Il Nebbiolo “Ginestrino” di Conterno Fantino è un’espressione tipica e tradizionale delle Langhe. Grazie ad un affinamento in legno piuttosto breve e a un’accurata vinificazione, esprime tutta l’eleganza, la freschezza e l’estrema piacevolezza di beva del Nebbiolo giovane. Al naso regala profumi delicatamente floreali, aromi di piccoli frutti a bacca rossa impreziositi da un tocco di spezie. Il sorso è scattante, fresco e fruttato, con aromi fragranti e finale di buona persistenza gustativa. La vendemmia manuale delle uve ha inizio verso metà ottobre e la fermentazione si svolge in vinificatori orizzontali in acciaio, con una macerazione sulle bucce piuttosto breve, della durata di 6-8 giorni. La successiva maturazione avrà luogo poi in barrique di rovere francese di secondo passaggio per 10 mesi e completa l’affinamento con qualche mese in bottiglia prima della messa in vendita.

    Valutazioni:  Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

    Quando bere:  2022/2027

  • CONTERNO Fantino – Barolo Docg. “SORI’ GINESTRA” 2016 Magnum

    177,90
    L’annata 2016 del Barolo di Conterno Fantino si dimostra di estrema eleganza e con una grandissima concentrazione di aromi.
    La selezione manuale delle uve e l’affinamento di 24 mesi in legno seguito dal riposo di un anno in bottiglia permettono di ottenere un vino rosso bio austero, potente, con aromi fruttati e balsamici e una struttura importante. Lunghissime potenzialità di evoluzione in bottiglia nel silenzio della cantina.
    .

    Wine Advocate di Robert Parker
    Annata 2016 Degustata: Lug. 2020

    Di questi nuovi Baroli di Conterno Fantino, il Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra 2016 mostra la forza, la linearità e la determinazione più sottese. Mentre gli altri vini sono un po’ più morbidi e ricchi, specialmente a metà palato, questo vino è tutto muscoli e muscoli. Con la sua gradazione alcolica del 15%, il suo bouquet abbondante e la presentazione strutturata stretta, dovresti contare su una finestra di bevuta extra lunga. Aspetta a staccare il tappo dopo i 10 anni. In questa fase giovane, il bouquet presenta aromi stratificati di frutta rossa, catrame, spezie, terra ferrosa e scorza d’arancia candita. Ci sono sentori di menta, eucalipto e cenere di fuoco. Detto e fatto, questo è un rilascio di 11.700 bottiglie di maestà e bellezza che renderà un orgoglioso e importante protagonista della cantina di ogni collezionista.

    James Suckling

    Annata 2016 Degustata: Ago 2020

    Fragole molto mature con sentori di fiori secchi e incenso al naso. Anche alcuni lillà. Un Barolo corposo, ma compatto e molto ben formato con precisione e consistenza. Bella combinazione di frutta matura e tannini.

    Falstaff
    Annata 2016 Degustata: Ott 2020
    Rosso rubino scuro. All’inizio un sentore di ceralacca al naso, dopo un po’ un bouquet pieno di frutti di bosco maturi, amarene e cuoio chiaro. Al palato appare molto denso, levigato e compatto, frutta chiara fusa con tannini molto succosi, preciso, ha una marcia in più.

    Valutazioni:

    Wine Spectator    95/100        Robert Parker  98/100       Falstaf      97/100       James Suckling   96/100

    Quando bere:  2022/2050

     

  • ESAURITO

    CONTERNO Fantino – Barolo Docg. “MOSCONI VIGNA PED” 2016

    73,20
    Cru fra i più sensazionali di Monforte d’Alba, questo Mosconi Vigna Ped ha un impatto deciso, austero, da Barolo di grande lignaggio. Fruttato, ma scuro e carnoso, ricorda la menta e la torrefazione, per evolvere rapidamente verso la mora, la susina, la prugna e le confetture, con contrappunti di cacao e cuoio. La bocca è ricca, complessa e potente, con tannini fini e morbidezza in evidenza, persistenza elegante e interminabile.

    Valutazioni:        Wine Spectator    97/100        Robert Parker  97/100

     

  • ESAURITO

    CONTERNO Fantino – Barolo Docg. “SORI’ GINESTRA” 2016

    87,10
    L’annata 2016 del Barolo di Conterno Fantino si dimostra di estrema eleganza e con una grandissima concentrazione di aromi.
    La selezione manuale delle uve e l’affinamento di 24 mesi in legno seguito dal riposo di un anno in bottiglia permettono di ottenere un vino rosso bio austero, potente, con aromi fruttati e balsamici e una struttura importante. Lunghissime potenzialità di evoluzione in bottiglia nel silenzio della cantina.
    .

    Wine Advocate di Robert Parker
    Annata 2016 Degustata: Lug. 2020

    Di questi nuovi Baroli di Conterno Fantino, il Barolo Ginestra Vigna Sorì Ginestra 2016 mostra la forza, la linearità e la determinazione più sottese. Mentre gli altri vini sono un po’ più morbidi e ricchi, specialmente a metà palato, questo vino è tutto muscoli e muscoli. Con la sua gradazione alcolica del 15%, il suo bouquet abbondante e la presentazione strutturata stretta, dovresti contare su una finestra di bevuta extra lunga. Aspetta a staccare il tappo dopo i 10 anni. In questa fase giovane, il bouquet presenta aromi stratificati di frutta rossa, catrame, spezie, terra ferrosa e scorza d’arancia candita. Ci sono sentori di menta, eucalipto e cenere di fuoco. Detto e fatto, questo è un rilascio di 11.700 bottiglie di maestà e bellezza che renderà un orgoglioso e importante protagonista della cantina di ogni collezionista.

    James Suckling

    Annata 2016 Degustata: Ago 2020

    Fragole molto mature con sentori di fiori secchi e incenso al naso. Anche alcuni lillà. Un Barolo corposo, ma compatto e molto ben formato con precisione e consistenza. Bella combinazione di frutta matura e tannini.

    Falstaff
    Annata 2016 Degustata: Ott 2020
    Rosso rubino scuro. All’inizio un sentore di ceralacca al naso, dopo un po’ un bouquet pieno di frutti di bosco maturi, amarene e cuoio chiaro. Al palato appare molto denso, levigato e compatto, frutta chiara fusa con tannini molto succosi, preciso, ha una marcia in più.

    Valutazioni:

    Wine Spectator    95/100        Robert Parker  98/100       Falstaf      97/100       James Suckling   96/100

    Quando bere:  2022/2050

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo Docg. “VIGNA DEL GRIS” 2000

    95,20

    Colore
    Vino ricco di colore rubino.

    Gusto
    Il vino mostra un gusto profondo, energico, equilibrato, che intreccia toni succosi di frutti di bosco rosso scuro e sfumature di colore. Retrogusto lungo decorato con tannini vellutati.

    Aroma
    L’aroma elegante del vino è pieno di note di frutta rossa (ciliegia, lampone), che sono completate da note floreali, sfumature di spezie e minerali.

    Valutazioni:

    Wine Spectator    93/100            Robert Parker    93/100

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo Docg. “PARUSSI” 2001

    115,90
    Wine &. Spirits
    Questo vino stratifica ciliegia scura con anice e tartufo, puro sapore piemontese bilanciato da potenti tannini. Lungo e con grazia integrato, è quello che dovrebbe essere il Barolo. Viene coltivato su dieci ettari a Parussi, a Castiglione Falletto.
    The Wine Advocate/Robert Parker
    Il Barolo Parussi 2001 si apre con un naso elegante e borgognone di frutta dolce, fiori, minerali e sottobosco. Questo Barolo di peso medio mostra frutti rossi e amarena simili a Pinot Nero con note di mentolo e rovere tostato. Vino di grande finezza, il Parussi è il più delicato dei tre Barolo di questo produttore. Purtroppo il 2001 è l’ultima annata per questo vino, in quanto l’azienda non ha potuto rinnovare il contratto di locazione per il vigneto.
    Wine Spectator
    Aromi di funghi, carne e frutti di bosco. Corposo, con tannini fini e un finale setoso e carezzevole. Davvero molto bene. Un bel vino

    Valutazioni:

    Wine Spectator    92/100        Robert Parker  93/100         Wine &. Spirits      94/100

     

  • CONTERNO Fantino – Barolo Docg. “PARUSSI” 2000

    115,90

    Barolo Parussi ha un colore che va dal rosso rubino all’arancione . Questo Barolo possiede un bouquet elegante , abbiamo subito la frutta rossa e more. In bocca é soffice, ben equilibrato, la sua struttura si orchestra attorno ai tannini eleganti ed un’acidità sincera.

    Valutazioni:    Wine Spectator    93/100