CONTERNO Fantino – Barolo DOCG. “MOSCONI VIGNA PED” 2018

68,00

Questo Barolo “Mosconi” nasce dall’utilizzo in purezza di un grande vitigno a bacca rossa piemontese, il Nebbiolo. Le viti di questa varietà crescono in parcelle di proprietà di Conterno Fantino comprese all’interno del comune di Monforte d’Alba.
Affinate in barrique di rovere francese per 24 mesi, e ulteriore periodo di affinamento di 12 mesi, direttamente in vetro.
Probabilmente uno dei Barolo più indipendenti e non omologati. Profumo imponente e molto complesso di catrame, fumo, liquirizia, terra bruciata, frutti scuri e sassolini. Con un po’ di aerazione poi frutti rossi scuri, ricchi, spezie esotiche e pancetta affumicata. Poi molto virile, cupo e muscoloso nella beva, con un emozionante contrasto di austerità e dolcezza dell’estratto. L’opulenza e l’intensità delle impressioni gustative e il tannino ancora monumentale danno l’idea di quale grande rosso dalla forte personalità stia maturando in bottiglia.
.

JAMES SUCKLING

.

Valutazioni:

James Suckling    95/100        Robert Parker  94/100

Quando bere:      2025/2045

 

Disponibile

Descrizione

Conterno Fantino è un produttore di vino con sede in Piemonte, nel nord-ovest dell’Italia. Fondata da Claudio Conterno e Guido Fantino nel 1982, sorge su una collina a ridosso del paese di Monforte d’Alba. Il focus della tenuta ricade su quattro vitigni chiave: Nebbiolo , Barbera , Dolcetto e Chardonnay .

L’azienda produce tre vini Barolo DOCG dai vigneti cru Ginestra e Mosconi. Questi vini sono tutti fermentati e fatti macerare sulle bucce in fermentatori di acciaio inox per circa 8-15 giorni e trascorrono 24 mesi in botti di rovere francese prima di affinare in bottiglia per 12 mesi. Conterno Fantino produce anche diversi vini varietali con le denominazioni Barbera d’Alba e Dolcetto d’Alba , oltre a un paio di vini Chardonnay con la denominazione più ampia Langhe . C’è anche un Barolo Chinato infuso con più di 50 erbe, fiori e spezie.

La vendemmia viene effettuata a mano in autunno e le uve fermentano con lieviti indigeni. Nei mesi invernali i vini vengono travasati in botti di rovere ai fini della fermentazione malolattica e dell’invecchiamento. La scelta della botte è fatta con cura in base a una varietà di fattori tra cui il vigneto e l’annata. La primavera saluta la fine della fermentazione malolattica e la seconda fase della svinatura. I vini vengono poi imbottigliati in estate e il processo di vinificazione ricomincia.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Regione

Paese

Formato

Gradazione