Le Chiuse – BRUNELLO di MONTALCINO DOCG. 2017 (BIO)

61,50

Affinamento: 36 mesi in botti di rovere da 20 hl

Il Brunello di Le Chiuse trae i suoi frutti da viti di quasi 30 anni su un appezzamento di argilla calcarea di otto ettari. Non appena lo versi ti rendi conto che è pieno di energia e temperamento. Questo si nota anche nel frutto croccante, che ricorda i frutti di bosco, il cassis e le amarene. Questi aromi di frutti rossi sono incorniciati da fumo leggero, catrame, terriccio, fiori blu e minerali tritati o calcare. È un vino estremamente equilibrato che aumenterà di eleganza e finezza con l’invecchiamento in bottiglia. Info WINE IN CITY

“Questo mostra un certo equilibrio e lucentezza per un 2017, con molti tannini integrati e piacevolmente gommosi. Il carattere di ciliegia matura, corteccia e leggera terra secca emerge chiaramente. Dagli il tempo di ammorbidirsi, ma già attraente”. JAMES SUCKLING

“Offre temi chiave di aromi e sapori di amarena, mora e violetta, con accenti minerali, tabacco e mandorla amara. Struttura solida, con tannini densi che si espandono sul finale. Nel complesso, c’è un senso di eleganza qui, con setosità e persistenza .” WINE SPECTATOR

“Erbe selvatiche, melograni schiacciati, rosa polverosa e spezie saporite definiscono il Brunello di Montalcino 2017 selvaggiamente esotico. Le sue consistenze sono setose e flessibili, ma con una vibrante vena di acidità e toni minerali che aggiungono una sensazione più aderente ma gioviale, come un rosso potente i toni di frutta e lavanda si saturano lentamente verso la chiusura. I tannini fini emergono attraverso il finale di media lunghezza, mentre questo si assottiglia a sentori di agrumi aspri, rosa e chiodi di garofano”. VINOUS

“Lorenzo Magnelli ha scelto di vendemmiare presto per evitare l’opulenza nel 2017. Insieme a follature più delicate e meno rimontaggi, ha invecchiato il vino per meno tempo in legno – 30 mesi anziché 36 – poiché sentiva che non ne aveva bisogno molto ossigeno. La vivacità dell’espressione è palpabile nel groviglio di spezie, frutti di bosco, funghi terrosi e crescita dei boschi. Al palato è robusto ma non aggressivo poiché i tannini ben composti percorrono il palato. ” DECANTER

“Il Brunello di Montalcino 2017 Le Chiuse (prodotto con frutta biologica certificata) esibisce un profilo setoso ed elegante che solo una manciata di tenute della denominazione riesce a raggiungere con coerenza. Questa è la direzione desiderata del Brunello nel suo insieme, credo, ed è bello vedere questi risultati di successo in un’annata difficile e calda come il 2017. Il vino è setoso e lucido al palato con fiori di campo, frutti di bosco e sottobosco”. ROBERT PARKER

“Uno dei migliori vini dell’annata, questo storditore si apre con aromi irresistibili di cuoio nuovo, sottobosco, frutti di bosco profumati e mentolo. Corposo ed elegantemente strutturato, il delizioso palato offre lampone schiacciato, marasca matura, spezie da forno e liquirizia contrapposto a tannini decisi e raffinati. Vanta notevole freschezza ed equilibrio per l’annata calda.” WINE ENTHUSIAST

.

Valutazioni:
.               Robert Parker  95/100     James Suckling   93/100   Wine Spectator  94/100
.    Decanter   95/100   Vinous/Antonio Galloni  95/100       Wine Enthusiast   97/100
.
Quando bere:    2024/2044

 

Disponibile

Descrizione

Quasi nessun’altra azienda vinicola toscana è così strettamente legata ai padri fondatori del Brunello di Montalcino come la piccola azienda gestita da Simonetta Valiani e suo marito Nicolò Magnelli. Situata a sud di Montalcino, tra i comuni di Montosoli e Canalicchi, Le Chiuse apparteneva dal 18° secolo alla nobile famiglia Biondi-Santi, il cui Sangiovese entrò nella storia nel 1888 come il primo Brunello di Montalcino.

A rigor di termini, Simonetta è la nipote di Franco Biondi-Santi, che, come ultimo rappresentante di questa dinastia vinicola toscana, aveva un talento particolare per i vini varietali del Sangiovese. A suo avviso i vigneti di Le Chiuse erano tra i migliori di tutta Montalcino, motivo per cui ha affittato per molti anni i vigneti di Simonetta per la produzione dei suoi mitici e longevi Brunello Riserva.

Ancora oggi i vitigni di Sangiovese Grosso maturano a 350 metri di altitudine proprio su questi versanti nord/nordest di Montalcino, da cui un tempo si produceva il Biondi-Santi-Riserva. Simonetta ora produce il suo raffinato Brunello di Montalcino e la non meno impressionante Riserva DIECIANNI da questi sette ettari, mentre le vigne per il suo delizioso Rosso di Montalcino fruttato di ciliegia maturano sul versante sud-est della collina.

Con un albero genealogico così nobile, la strada per una produzione vinicola d’eccellenza è già tracciata, per questo ci ha colpito ancora di più il fatto che Simonetta, a soli 26 anni, abbia voluto alzare ulteriormente l’asticella e dare il via ad una svolta importante nel affari di famiglia. Con la conversione alle tecniche di viticoltura biologica, rigorose riduzioni delle rese e una selezione mirata delle uve, la modesta vignaiola e suo marito Nicolò producono vini fenomenali dal 1992, ai quali la regione di Montalcino deve la sua eccellente reputazione.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Gradazione

Paese

Regione

Formato