Fuligni – BRUNELLO di MONTALCINO DOCG. RISERVA 2016

149,70

Si dice che ogni tanto ci siano Riserve di Brunello, che tendono ad appassire e ad apparire piuttosto infruttuose a causa della più lunga maturazione in botte. Al più tardi con la Riserva Fuligni dovreste farla finita con questo pregiudizio. Ciò che viene qui nelle migliori annate da botti selezionate dell’annata è l’esatto opposto.

La Riserva 2016 mostra una bella intensità terziaria con frutti di bosco e prugne, seguite da erbe balsamiche, liquirizia, erbe grigliate e spezie. Siamo stupiti dalla pura opulenza e ricchezza di questo vino, pur rimanendo piacevolmente di medio corpo per tutto, ma producendo molta eleganza e potenza sufficiente. Questa Riserva non si sente mai troppo pesante o troppo piatta, ma convince con disciplinata energia e vitalità. Con ogni bicchiere in più, aumenta in un mondo perfettamente coordinato di modernità e tradizione, che non ha eguali nella forma che è diventata nel vino. Info WINE IN CITY

“Maturo e armonico, questo rosso presenta aromi di ciliegia e frutti di bosco aumentati da accenti di terra, minerali, tabacco e timo. Fresco e rassodante mentre si snoda sul finale lungo, fruttato, minerale e speziato”. WINE SPECTATOR

“Ecco uno degli show-stopper in questo reportage. Il Fuligni 2016 Brunello di Montalcino Riserva è un vino stratificato e importante con profonde sfumature di frutti di bosco, frutta matura, spezie di quercia, fiori pressati ed erbe aromatiche. Questo Brunello è all’altezza delle sue Denominazione Riserva con extra ricchezza materica, più definizione rovere, struttura e un profilo aromatico più ampio e più duraturo. Il vino chiude con sentori di cola, rosmarino e rosa canina.” ROBERT PARKER

“Nel vigneto San Giovanni al Podere Cottimelli, sito di origine dell’azienda, nasce la Riserva Fuligni’s Riserva. È una selezione dei migliori grappoli di vigne con un’età media di 50 anni. Il 2016 è attualmente una bestia da cova, ma di notevole bellezza da vicino vista. Parte dal cuoio levigato e dalla buccia di noce per poi svelare sentori di lavanda, anice e terra appena rivoltata. La struttura è ancora più densa e secca dell’annata, ma il frutto è anche più dolce e concentrato. I tannini finemente cesellati avvolgono l’amarena e prugna rossa, e con un’intensa spinta minerale questo è completamente carico. Ci vorranno ancora qualche anno, tuttavia, per mettere a nudo tutte le sue complessità in agguato”. DECANTER

“Il Brunello di Montalcino Riserva 2016 seduce i sensi in quanto mescola sapido e dolce, gli aromi di rosa polverosa e pietrisco lasciano il posto alla fragolina di bosco e alla ciliegia secca. Un’onda vellutata materica satura il palato con minerali salati e frutti di lampone aspri, sollevati da sorprendente acidità e toni erbacei rinfrescanti che creano una sensazione a cascata ai frutti rossi croccanti.Sebbene strutturato e asciutto, è anche incredibilmente lungo, di natura cristallina e indugia su note di liquirizia salata e spezie saporite.Questo mostra tutte le migliori qualità di l’annata, sapientemente abbinata allo stile classico di Fuligni. Detto questo, il 2016 è un colosso addormentato, che ha bisogno di un affinamento per esprimersi al meglio. Decidere tra questo e il Brunello di proprietà del 2016 è come spaccare i capelli,ma quello che posso dire è che la Riserva ha il potenziale per una vita più lunga e forse un punteggio più alto quando è a piena maturità”.VINOUS

“La complessità e la bellezza di questo vino è un’altra cosa al naso, che offre profumo, cedro, fiori secchi, amarena, mirtillo e pietrisco. Anche buccia d’arancia. Corposo con incredibili strati di tannini ultrafini che danno questo vino profondità orizzontale che sembra quasi infinita. Estremamente lungo e leggermente gommoso alla fine. Questo è uno per la cantina. Da provare dopo il 2026.” JAMES SUCKLING

Profumi delicati che ricordano i frutti di bosco, la rosa, la violetta e le erbe selvatiche modellano il seducente naso. Al palato sapido ed elegantemente strutturato si contrappone una succosa ciliegia rossa, mirtillo rosso speziato, anice stellato e un accenno di tabacco contrapposti a tannini tesi e a grana fine. La fresca acidità lo mantiene ben equilibrato e concentrato. Meravigliosa espressione della fantastica annata di uno dei produttori più storici di Montalcino, vanta un grande potenziale di invecchiamento. WINE ENTHUSIAST

.
Valutazioni:
.               Robert Parker  97+/100     James Suckling   99/100    Wine Spectator  95/100
.     Vinous/Antonio Galloni  98+/100    Decanter   98/100   Wine Enthusiast   99/100
.
Quando bere:    2026/2050

 

Disponibile

Descrizione

Agli inizi del ‘900 Giovanni Maria Fuligni si stabilì a Montalcino per seguire l’esempio della sua famiglia veneta nella coltivazione del vino. La tenuta fondata da Maria Flora Fuligni è oggi gestita dal nipote Roberto Guerrini Fuligni. La graziosa azienda vinicola si trova nelle campagne del paese di Cottimelli e si estende su circa 100 ettari. Dieci ettari sono piantati a vigneto ad un’altitudine compresa tra 380 e 450 metri. Il pavimento è di tono basso e quindi abbastanza sciolto. Altre viti sono state impiantate su aree che poi sono state aggiunte alla tenuta, che oggi hanno in media dodici anni. Negli impianti più antichi, che esistono da più di tre decenni, la famiglia Fuligni utilizzava vecchi cloni di Sangiovese con una densità di viti inferiore.

I vigneti denominati S. Giovanni, Il Piano, Ginestreto e La Bandita vengono vendemmiati separatamente. Le uve vengono poi assemblate tenendo conto delle diverse tipologie di vino. La cantina di Cottimelli, a circa tre chilometri da Montalcino in direzione Siena, si trova in una residenza che ancora nel 1700 fu utilizzata dai Granduchi della famiglia Medici. In realtà, però, risale al XVI secolo. Sotto la superficie della terra sono stoccate tonneau con un volume di cinque e sette ettolitri e mezzo, ma anche botti di rovere di Slavonia, che sono diverse volte più grandi. Il famoso Brunello così come il Rosso e l’IGT San Jacopo maturano nelle cantine del Palazzo Medici, che funge anche da sede dell’azienda.

Roberto Guerrini Fuligni è un Wine designer, professore universitario e appassionato di musica in una sola persona: un uomo versatile, che non si impantana mai, ma persegue intenzionalmente le sue idee chiare. Rifiuta rigorosamente le concessioni alle mode e alle tendenze del vino. Per lui c’è un solo stile, quello , inconfondibile nella sua sobria eleganza che fa rivivere il terroir nelle sue creazioni di cantina.”

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Gradazione

Paese

Regione

Formato