Chateau LEOVILLE BARTON 2000, Saint-Julien – Deuxieme Grand Cru Classe nel 1855

219,00

Trattativa Riservata

A bordeaux, e non solo, è stata un’annata straordinaria. L’andamento climatico è stato ottimale per ottenere vini di eccezionale consistenza e equilibrio, donando una longevità che nei migliori vini dovrebbe durare sino alla terza decade o addirittura alla quarta del 2000.

James Suckling
Questo vino è sempre stato morbido e delizioso, con un carattere quasi decadente di crostata di fragole, terra, carne e spezie. È pieno e molto morbido, con tannini raffinati e un finale molto lungo.  (4/2014)

Wine Enthusiast
Fin dai primi giorni della degustazione, nella primavera del 2001, questo sarebbe stato uno dei protagonisti dell’annata. E una stella resta. C’è un frutto grande, maturo, con tannini solidi e invecchianti. Potrebbe non essere potente come alcuni dei blockbuster dell’annata, ma è sicuramente più opulento, meno classico di quanto a volte possa essere Léoville-Barton. (RV)  (6/2003)

Wine Spectator
Prendi il libro di testo di St.-Julien con note di fico riscaldato, composta di mirtilli e riduzione di mora insieme ad ampi aromi di grafite, rovo e tabacco, quindi alza di un livello. Questo ha un’energia formidabile per compensare la profondità e la lunghezza ammirevoli e non ha ancora iniziato una seconda fase. Una delle stelle dell’annata. (JM, Web-2016)

Wine Advocate di Robert Parker
Ho scoperto che questo era uno dei vini più arretrati dell’annata 2000 e gli ho dato una finestra di maturità del 2015-2040 quando l’ho recensito nel 2003. Nelle mie due recenti degustazioni, ho cambiato quella finestra in 2018-2050, che probabilmente dice più di quanto potrebbe dire la seguente nota di degustazione. Questo è un colosso: denso, altamente estratto, molto tannico, cupamente arretrato, con un colore viola denso e pochissima evoluzione da quando è stato imbottigliato 8 anni fa. Note meravigliosamente dolci di cedro e torta di frutta si mescolano a sentori di creme de cassis, liquirizia e sottobosco terroso. È corposo e tannico, con tutto a posto, ma come tanti vini che provengono da Leoville Barton, prende in giro molti consumatori moderni che vogliono un vino per una gratificazione immediata. Coloro che l’hanno acquistato dovrebbero continuare a esercitare la pazienza ed essere orgogliosi di possedere un meraviglioso classico con cinque decenni di longevità davanti. (RP) 95+  (6/2010)

 

.

Valutazioni:      Robert Parker  95/100        Wine Spectator   96/100        

.                                      James Suckling   96/100            Wine Spectator    96/100

.

Quando bere:  2018/2050

Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

Disponibile

Descrizione

Château Léoville Barton è una tenuta molto apprezzata nella regione di Saint-Julien di Bordeaux, classificata al secondo posto nella Classificazione del 1855 . La qualità è aumentata vertiginosamente dagli anni ’80 ed è considerato uno dei vini più affidabili di Bordeaux, ottenendo regolarmente elogi per i suoi prezzi ragionevoli. Léoville Barton è Cabernet Sauvignon -dominante, tannico e austero da giovane, ma sviluppa intense note di ribes nero e cassis, oltre alle classiche caratteristiche del cedro di Saint-Julien.
Il vigneto, che ha terreni ghiaiosi su argilla, è piantato per il 74% a Cabernet Sauvignon, per il 23% a Merlot e per il 3% a Cabernet Franc . Dopo una vendemmia manuale, la fermentazione avviene in grandi tini di legno a temperatura controllata, quindi il vino viene affinato in botti di rovere nuove per il 50 per cento.
Non c’è un edificio del castello; quello che compare sull’etichetta appartiene a Langoa-Barton , la tenuta sorella di Léoville Barton. Nel 1821, il commerciante di vini anglo-irlandese Hugh Barton acquistò Château Langoa Barton e una parte della tenuta di Léoville che divenne Léoville Barton (le altre sezioni sono ora Léoville-Poyferré e Léoville-Las Cases ).
Un secondo vino, La Réserve de Léoville Barton, è prodotto da vigne più giovani e lotti che mancano della qualità e della profondità del grande vin.
Anthony Barton ha ereditato le due proprietà da suo zio Ronald nel 1983 e le ha guidate attraverso gran parte della crescita della prosperità della regione durante la fine degli anni ’80, ’90 e nel 21° secolo. La tenuta è ora gestita da sua figlia Lilian Barton Sartorius e dai suoi figli Mélanie e Damien.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Gradazione

Formato

Paese

Regione