Chateau LA MISSION HAUT-BRION 2000, Pessac-Leognan – Cru Classe de Graves in 1959

818,00

Trattativa Riservata

A bordeaux, e non solo, è stata un’annata straordinaria. L’andamento climatico è stato ottimale per ottenere vini di eccezionale consistenza e equilibrio, donando una longevità che nei migliori vini dovrebbe durare sino alla terza decade o addirittura alla quarta del 2000.

100 punti Wine Advocate di Robert Parker
Uno dei vini dell’annata, il 2000 ha appena mosso nella sua evoluzione da quando è stato imbottigliato e rilasciato nel 2002. Dopo dieci anni in bottiglia, rivela ancora un colore porpora denso opaco insieme a un bouquet potenzialmente sensazionale di mirtilli, ribes nero , grafite, asfalto e fondo rovere. Estremamente potente, corposo e superbamente concentrato con una buona acidità e tannini alti ma rotondi, questo massiccio La Mission-Haut-Brion dovrebbe prendere il suo posto tra le annate più consacrate di questa tenuta quando raggiunge la piena maturità tra uno o due decenni. Sono rimasto sorpreso da quanto fosse giovane questo vino all’età di 12 anni. Se degustato alla cieca, avrei immaginato che avesse tra i 4 ei 5 anni. (RP) (8/2012)

 

Decanter da 98 punti
Il colore qui è profondo e denso – comincia appena a sfumare verso il rosso mattone – senza un enorme cambiamento di colore dal bordo al centro. Il carattere fruttato è ricco e pruriginoso, con note autunnali di susina e mora accanto a tannini morbidi. C’è una chiara intensità aromatica e bordi floreali, che diventano più intensi nel tempo, un ottimo indicatore di qualcosa di speciale in corso. Aromi di frutta scura e sfumature di foglie di sigaro completano quello che è un vino delizioso, nel momento perfetto per lanciarsi nella fase successiva della sua vita. (10/2019)

 

97 punti Vinous
La Mission Haut-Brion 2000 è un millesimato che non assaggiavo da diversi anni. All’età di 21 anni, ha conservato il suo naso giovanile di vivide amarene, fragoline di bosco e iodio, e mostra meno l’elemento tapenade di oliva nera che ho notato in gioventù. Al palato è di medio corpo con tannini flessuosi che smentiscono la spina dorsale di questo La Mission. Splendidamente equilibrato e abbastanza pepato, con una salinità fine, è meno sauvage di molti altri Bordeaux millenari, portando a un finale succulento e sensuale. Questo sta solo iniziando a mostrare di cosa è capace. 13,4% di alcol. Degustato al castello con Jean-Philippe Delmas. (10/2021)

 

.

Valutazioni:      Robert Parker   100/100        The Wine Cellar Insider   100/100        

.                                      Vinous   97/100            Decanter    98/100

.

Quando bere:  2020/2055

Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

Solo 2 pezzi disponibili

Descrizione

Château La Mission Haut-Brion è una tenuta nella denominazione Pessac-Léognan nel nord di Graves, a poche miglia a sud-ovest del centro di Bordeaux. La sua tenuta vicina e sorella Château Haut-Brion era l’unica tenuta della regione inclusa nella classificazione di Bordeaux del 1855 , ma La Mission Haut-Brion (valutata come Graves Grand Cru nella classifica del 1959  ) è spesso giudicata e valutata come uguale di Haut-Brion e le altre prime crescite. Il vino è particolarmente noto per la sua intensità di frutta, consistenza arrotondata e generosa e tannini setosi, e ha ricevuto più valutazioni di 100 punti dal critico americano Robert Parker .          Il vigneto condivide lo stesso terreno ghiaioso di Haut-Brion (che si trova appena oltre la strada), con piccole pietre di quarzo su un sottosuolo argilloso-sabbioso. Circa 27 ettari (66 acri) sono coltivati ​​a uve rosse, di cui il 47% Cabernet Sauvignon , il 43%  Merlot e il 10%  Cabernet Franc. Poco più di tre ettari (sette acri) sono piantati a Semillon e Sauvignon Blanc . Come Haut-Brion, i suoi vigneti sono ora interamente circondati dalle case della periferia sud-occidentale di Bordeaux: una linea ferroviaria taglia in due anche la proprietà. La Mission Haut-Brion vede 18-22 mesi di invecchiamento in botte, con l’80% di rovere nuovo. Ogni anno vengono prodotte tra le 6000 e le 7000 casse. La Chapelle de La Mission Haut-Brion è stato il secondo vino dal 2006, quando ha sostituito lo Château La Tour Haut-Brion. La tenuta prende il nome dai missionari lazzaristi che la possedettero dal 1682 fino alla Rivoluzione francese. Dal 1983 è di proprietà del Domaine Clarence Dillon, proprietario di Haut-Brion.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Gradazione

Formato

Paese

Regione