• GAJA – BARBARESCO DOCG. 2011

    199,80
    Prodotto a partire da rigorose selezioni di uve provenienti da 14 vigneti collocati nei comuni di Barbaresco e di Treiso, il Barbaresco di Gaja si presta ad incarnare la natura sfaccettata del suo terroir di nascita, composto dalle ricche marne argilloso-calcaree tipiche delle Langhe. La formula della maturazione del Barbaresco è un’ alchimia che Gaja ha reso soluzione perfetta: 1 anno in barrique, 1 anno in botte grande, 1 anno in bottiglia, perché l’apertura alla modernità non si allontani troppo dal solco della tradizione.
    Colore rosso granato intenso con riflessi aranciati, note fruttate di frutti di bosco con sentori di viola e vaniglia. Gusto morbido e vellutato, armonico ed elegante
    .
    Valutazioni:
    Robert Parker  93/100   Wine Spectator  91/100    Falstaff Magazin   92/100   Wine Enthusiast  94/100
    .
    Quando bere:    2016/2035
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • ESAURITO

    GAJA – BARBARESCO DOCG. 2011 Magnum

    448,40
    Prodotto a partire da rigorose selezioni di uve provenienti da 14 vigneti collocati nei comuni di Barbaresco e di Treiso, il Barbaresco di Gaja si presta ad incarnare la natura sfaccettata del suo terroir di nascita, composto dalle ricche marne argilloso-calcaree tipiche delle Langhe. La formula della maturazione del Barbaresco è un’ alchimia che Gaja ha reso soluzione perfetta: 1 anno in barrique, 1 anno in botte grande, 1 anno in bottiglia, perché l’apertura alla modernità non si allontani troppo dal solco della tradizione.
    Colore rosso granato intenso con riflessi aranciati, note fruttate di frutti di bosco con sentori di viola e vaniglia. Gusto morbido e vellutato, armonico ed elegante
    .
    Valutazioni:
    Robert Parker  93/100   Wine Spectator  91/100    Falstaff Magazin   92/100   Wine Enthusiast  94/100
    .
    Quando bere:    2016/2035
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe Doc. Cru ” SORI SAN LORENZO ” 2009

    429,50

    Il termine dialettale Sorì indica la porzione di pendio collinare esposto a sud, mentre Lorenzo è il santo protettore del Duomo della città di Alba, il cui beneficio parrocchiale fu proprietario fino al 1964 del vigneto successivamente acquistato dalla famiglia Gaja.
    Il vigneto Sorì San Lorenzo si trova a pochi passi dal centro storico del Comune di Barbaresco.

    La produzione di questo straordinario vino passa attraverso un processo di macerazione e di fermentazione in vasche di acciaio inox della durata complessiva di tre settimane, con una successiva maturazione protratta per due anni, il primo dei quali in barriques e un successivo periodo altrettanto lungo all’interno di grandi botti di legno. Il seguente affinamento in vetro produce il miglior risultato entro venti anni dall’imbottigliamento, e in grado di conservare i suoi caratteri ancora moltissimo tempo.

    Robert Parker
    Il Sori San Lorenzo 2009 di Gaja, è molto più tipico nella sua espressione. Strati di succose ciliegie scure, mentolo, spezie, catrame, liquirizia e grafite scorrono sul palato mentre questo vino potente e mascolino si apre nel bicchiere. Gli aromi ei sapori dell’infuso balsamico si sviluppano nel bicchiere, aggiungendo una notevole complessità e la firma di questo grande terroir, indiscutibilmente uno dei migliori del Piemonte. Scadenza anticipata: 2019-2039.

    Wine Enthusiast
    C’è sempre qualcosa di magico nel Sorì San Lorenzo di Gaja. È l’intensità e la pienezza del vino che penetra nella parte posteriore del palato e offre molti lunghi minuti di persistenza sul finale. Il profumo ricorda la frutta nera, il cuoio, le spezie, il catrame, la liquirizia e l’erba secca.

    James Suckling
    Sottile e ricco con aromi di lampone e mirtillo e tocchi anche di pesca e lavanda. Corposo, con intenso carattere di lavanda e spezie con aromi di cioccolato e frutta. Finale lungo, lungo.

    Wine Spectator
    Uno stile ricco e muscoloso, con aromi e sapori di amarena, prugna, fumo e spezie che fanno da padrone. Equilibrato e morbido, in uno stile moderno, che mostra raffinatezza e lunghezza sul finale.
    .

    Valutazioni:     Robert Parker  96/100    Wine Spectator  93/100   
    .                         Falstaff  96/100        Wine Enthusiast   96/100
    .
    Quando bere:  2019/2039
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe DOC. Cru ” COSTA RUSSI ” 2004

    493,90
    Il Langhe Costa Russi è un vino che nasce da un blend di uve 90%nebbiolo e 10%barbera, (per questo non può, per disciplinare, essere chiamato Barbaresco),  situate nel vigneto Costa Russi nel comune di Barbaresco. La vinificazione prevede fermentazione e macerazione in acciaio per circa venti giorni. Successivamente a questo processo il vino matura per 12 mesi in barrique e 12 mesi in botti grandi tradizionali.
    Il Langhe Costa Russi di Gaja è un vino dal colore rosso rubino profondo. Al naso è seducente e raffinato, elegante, fruttato e vellutato intrigante e con aromi fruttati ben integrati. Al palato si presenta con un corpo pieno, di grande concentrazione e purezza. Un vino potente, ricco e persistente.
    Valutazioni:
    Robert Parker  95/100   Wine Spectator  97/100    Stephen Tanzer   94/100
    Quando bere:  2011/2026
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe Doc. Cru ” SORI SAN LORENZO ” 2001

    410,00

    Nebbiolo dal carattere forte e austero, che prende il nome dall’omonimo vigneto “Sorì San Lorenzo” a Barbaresco, dal bel colore rosso granato, si presenta al naso con un bouquet fruttato molto concentrato, con sentori di mora e frutti di bosco, mirtillo e ribes, confettura di frutti rossi e sentori di caffè, liquirizia, spezie e frutta secca. Dal sapore caldo e morbido, con tannini importanti ma eleganti che gli regalano nobiltà e grande struttura, persistente, si abbina perfettamente con carni rosse alla griglia, selvaggina, preparazioni con il famoso Tartufo Bianco d’Alba e formaggi stagionati. E’ un vino che bel si presta al lungo invecchiamento
    La vinificazione prevede fermentazione e macerazione in acciaio per circa venti giorni. Successivamente a questo processo il vino matura per 12 mesi in barrique e 12 mesi in botti grandi tradizionali.

    Valutazioni:
    Robert Parker  96/100   Wine Spectator  96/100    Falstaff  96/100    Wine Enthusiast   95/100
    Quando bere:  2014/2034
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe Doc. Cru ” SORI TILDIN ” 2001

    410,00

    La parola “Sorì” indica una collina esposta a sud. “Tildìn” era il soprannome della nonna di Angelo Gaja, Clothilde Rey. Era una visionaria che è stata determinante nell’acquisizione di alcuni dei lotti migliori per la tenuta di Gaja, oltre ad essere l’ispirazione dietro la continua ricerca di innovazione di Angelo.
    Viola profondo. Aromi complessi di pane tostato, minerali, amarene, cedro e spezie.

    Visualizza il profilo di degustazione più rotondo di tutti i vini monovite Gaja. Il corpo ricco, la trama sottile ei tannini fini e maturi sono tipici di questo vino di grande finezza, espressione per eccellenza della terra e del vitigno Nebbiolo. Questo vino ha un potenziale di invecchiamento straordinario: più di quarant’anni in annate eccezionali.

    La vinificazione prevede fermentazione e macerazione in acciaio per circa venti giorni. Successivamente a questo processo il vino matura per 12 mesi in barrique e 12 mesi in botti grandi tradizionali.

    Valutazioni:
    Robert Parker  96/100   Wine Spectator  95/100    Stephen Tanzer   94/100
    Quando bere:  2013/2033
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe DOC. Cru ” COSTA RUSSI ” 2001

    410,00
    Il Langhe Costa Russi è un vino che nasce da un blend di uve 90%nebbiolo e 10%barbera, (per questo non può, per disciplinare, essere chiamato Barbaresco),  situate nel vigneto Costa Russi nel comune di Barbaresco. La vinificazione prevede fermentazione e macerazione in acciaio per circa venti giorni. Successivamente a questo processo il vino matura per 12 mesi in barrique e 12 mesi in botti grandi tradizionali.
    Il Langhe Costa Russi di Gaja è un vino dal colore rosso rubino profondo. Al naso è seducente e raffinato, elegante, fruttato e vellutato intrigante e con aromi fruttati ben integrati. Al palato si presenta con un corpo pieno, di grande concentrazione e purezza. Un vino potente, ricco e persistente.
    .
    Valutazioni:
    Robert Parker  95/100   Wine Spectator  95/100    Stephen Tanzer   95/100
    .
    Quando bere:  2013/2033
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe Doc. “SPERSS” 1999

    340,80
    Prodotto con il 95% di nebbiolo e il 5% di barbera lo Sperss di fatto è un Barolo, reca in etichetta la denominazione Langhe DOC perchè Angelo Gaja ha deciso di agire in piena libertà senza necessariamente attenersi alle regole del disciplinare.
    Questo è un vino magistrale.
    Prodotto con il 95%di nebbiolo e il 5% di barbera
    Ci vuole un po’ prima che riesca a stropicciarsi gli occhi, sgranchirsi le gambe e prendere contatto con la realtà. Ancora qualche secondo, giusto il tempo di scegliere il suo abito migliore ed ecco che si presenterà a voi in una forma strepitosa. Anzi maestosa. Si instaurerà tra voi un legame indissolubile, e quando le vostre strade si dovranno dividere, porterete nel cuore il ricordo di questa relazione per tutta la vita. Il percorso ha i tratti profondi, passionali, tanto potenti, quanto terribilmente armoniosi. Il frutto maturo, caldo e polposo, gioca a nascondino con una suadente nota di viola appassita, prima di entrare in un vortice di sensazioni evolutive ma fragranti, che vanno dal tabacco dolce alla nota di cuoio. A rendere avvincente e adescatore questo naso è quella ventata rinfrescante di balsamico molto intrigante. Al palato vorremmo che la trama tannica mordente ed energica lasciasse subito spazio nuovamente all’articolazione post gustativa, con lo scopo di tornare presto a vivere le emozioni sensoriali avute al naso. E sperare poi che nella bottiglia… ne rimanga ancora un po’.” (AIS ITALIA)
    .
    Valutazioni:      Robert Parker  95/100    Raffaele vecchione   98/100
    .
    Quando bere:   2012/2024
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Ca’Marcanda – Bolgheri Doc. “CAMARCANDA” 2010

    146,40

    Tra le tante geniali intuizioni di Angelo Gaja c’è sicuramente stata anche quella di capire per primo il potenziale di Bolgheri come territorio vinicolo già nel 1994.

    Sino ad allora infatti tutti i produttori di Bolgheri si erano ritrovati qui per diversi motivi, ma nessuno era arrivato qua con l’obiettivo preciso di produrre grandi vini. Gaja come prima avventura al di fuori di Barbaresco e della Langhe sceglie proprio Bolgheri (e in contemporanea Montalcino). L’azienda viene fondata nel 1996 e si estende oggi su circa 80 ettari di vigneto nella DOC.

    Il Camarcanda 2010 di Gaja Ca’ Marcanda è affinato per 18 mesi in barrique fino all’assemblaggio finale, per poi invecchiare ancora 12 mesi in bottiglia prima di essere imbottigliato.
    .

    Wine Advocate di Robert Parker
    Il Bolgheri Camarcanda 2010 è un vino eccezionale con un livello di intensità aromatica e integrità impossibile da esagerare. Il blend è Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc, in quest’ordine di importanza. Il bouquet è impeccabile e raffinato, con profondi strati di marasca, cassis, mora essiccata e spezie che si staccano in rapida successione. La componente rovere è magnificamente integrata, impartendo note di cioccolato e tabacco che completano questo bellissimo ritratto della vinificazione toscana. Tieni questa bottiglia ancora per qualche anno. (10/2014)

    James Suckling
    Un delizioso rosso giovane di Bolgheri con frutti scuri freschi e un finale pulito. Corpo pieno e tannini fini. Leggermente gom-moso ma i tannini mostrano una bella trama. Questo vino ha ancora bisogno di tempo per ammorbidirsi in bottiglia. (3/2017)

    Wine Enthusiast
    Prodotto da Angelo Gaja nella sua tenuta nella Toscana costiera, questo blend di 50% Merlot, 40% Cabernet Sauvignon e 10% Cabernet Franc porta con aromi di prugna, spezie e calde note tostate. Il palato strutturato ed elegante offre ribes nero e amarena sobri accentati con note di pepe nero e caffè insieme a tannini levigati. È ancora giovane e un po’ nervoso, quindi dagli il tempo di sviluppare il suo potenziale. (5/2014

    Wine Spectator
    Potente, che mostra sapori di ciliegia, mora, cedro e spezie di quercia. I tannini sono avvolgenti, ma tutti gli elementi si incastrano nel lungo finale. Il retrogusto è fresco, echeggiante di frutta e rovere tostato. (8/2014)

     .
    Valutazioni:
    Robert Parker  96/100   Wine Spectator  95/100    Falstaff Magazin   94/100   Wine Enthusiast  93/100
    .
    Quando bere:    2016/2034
  • GAJA – Ca’Marcanda – Bolgheri Rosso – Toscana IGT. “MAGARI” 2003 Magnum

    214,80

    Tra le tante geniali intuizioni di Angelo Gaja c’è sicuramente stata anche quella di capire per primo il potenziale di Bolgheri come territorio vinicolo già nel 1994.

    Sino ad allora infatti tutti i produttori di Bolgheri si erano ritrovati qui per diversi motivi, ma nessuno era arrivato qua con l’obiettivo preciso di produrre grandi vini. Gaja come prima avventura al di fuori di Barbaresco e della Langhe sceglie proprio Bolgheri (e in contemporanea Montalcino). L’azienda viene fondata nel 1996 e si estende oggi su circa 80 ettari di vigneto nella DOC.

    Il “MAGARI” della Cantina Ca’Marcanda, è un taglio bordolese composto da un  blend di uve che per il 50% sono di Merlot, per il 25% Cabernet sauvignon, e per il 25% Cabernet franc., e matura per 18 mesi in barrique di rovere francese. Eccellente come tutte le etichette di Angelo Gaja, raggiunge un invidiabile equilibrio tra frutto, morbidezza e sentori terziari rilasciati dall’affinamento in legno.
    Nel calice si presenta con una veste color rubino intenso. Il bouquet ricorda aromi di piccoli frutti a bacca scura, ciliegia, prugna matura, sfumature di erbe selvatiche della macchia mediterranea e cenni di grafite. Al palato ha una buona struttura, con una tessitura tannica evoluta e setosa. Il centro bocca è elegante e persistente, con una buona complessità aromatica. Il finale è armonioso, equilibrato e molto persistente. Un grande rosso, pura espressione del connubio tra il terroir e lo stile Gaja.
  • GAJA – BARBARESCO DOCG. 2004

    322,00
    Prodotto a partire da rigorose selezioni di uve provenienti da 14 vigneti collocati nei comuni di Barbaresco e di Treiso, il Barbaresco di Gaja si presta ad incarnare la natura sfaccettata del suo terroir di nascita, composto dalle ricche marne argilloso-calcaree tipiche delle Langhe. La formula della maturazione del Barbaresco è un’ alchimia che Gaja ha reso soluzione perfetta: 1 anno in barrique, 1 anno in botte grande, 1 anno in bottiglia, perché l’apertura alla modernità non si allontani troppo dal solco della tradizione.
    Colore rosso granato intenso con riflessi aranciati, note fruttate di frutti di bosco con sentori di viola e vaniglia. Gusto morbido e vellutato, armonico ed elegante
    .
    Doctorwine
    Annata 2004      Degustazione: maggio 2015
    Ottenuto da sole uve Nebbiolo. Tra i tanti vini di Angelo Gaja continuo a considerare il suo Barbaresco il suo rosso più autentico e consistente. Ciò è stato particolarmente vero per questo 2004, un anno molto positivo. Il colore granato del vino era di buona intensità e gli aromi erano tipici, lineari ed eleganti con sentori di liquirizia, tabacco e viola insieme a note affumicate appena percettibili in sottofondo. In bocca è armonico, con un’acidità quasi salata ben tenuta sotto controllo dagli estratti. I tannini erano solo un po ‘polverosi e distinti grazie alla relativa giovinezza del vino ed è facile vedere come il vino migliorerà con altri tre anni in bottiglia. Il finale ha avuto una buona persistenza senza alcuna amarezza.
    .
    Valutazioni:
    Robert Parker  93/100   Wine Spectator  96/100    Falstaff Magazin   94/100   Doctorwine  96/100
    .
    Quando bere:    2009/2035
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.
  • GAJA – Langhe Cru ” COSTA RUSSI ” 1998

    374,80
    Il Langhe Costa Russi è un vino che nasce da un blend di uve 95%nebbiolo e 5%barbera, (per questo non può, per disciplinare, essere chiamato Barbaresco),  situate nel vigneto Costa Russi nel comune di Barbaresco. La vinificazione prevede fermentazione e macerazione in acciaio per circa venti giorni. Successivamente a questo processo il vino matura per 12 mesi in barrique e 12 mesi in botti grandi tradizionali.
    Il Langhe Costa Russi di Gaja è un vino dal colore rosso rubino profondo. Al naso è seducente e raffinato, elegante, fruttato e vellutato intrigante e con aromi fruttati ben integrati. Al palato si presenta con un corpo pieno, di grande concentrazione e purezza. Un vino potente, ricco e persistente.
    Valutazioni:
    Robert Parker  92/100   Wine Spectator  95/100    Stephen Tanzer   94/100
    .
    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.