• Marziano ABBONA – Barolo Docg. “PRESSENDA” 2010

    55,50

    96 punti James Suckling
    Un vino con una bella profondità di frutta e ricchezza con carattere floreale e di frutti di bosco. Tale purezza. Corpo pieno, con concentrazione ed equilibrio favolosi. Dura per minuti. Una delle grandi sorprese dell’annata.  (11/2014)

    93 punti Wine Advocate di Robert Parker
    Il Barolo Pressenda 2010 offre una lettura distinta del Nebbiolo con una voce e una personalità uniche. C’è un po’ più di pienezza e ricchezza qui con toni rotondi di amarena e mora secca. Quella morbidezza aggiunta fa molto in termini di lunghezza extra, potenza e consistenza qui mostrate. Spezie scure, catrame e liquirizia seguono in rapida successione. Nel frattempo, il vino mantiene la sua eleganza e grazia.  (8/2017)

    92 punti Vinous/Antonio Galloni
    Prugne scure, ciliegie, fumo, spezie e nuovo pellame si fanno carne nel Barolo Pressenda 2010, che nasce da Castelletto, a Monforte. Si tratta di un Barolo fruttato abbastanza in avanti, soprattutto nel contesto di Castelletto, dove i vini hanno spesso una spina più tannica. Detto questo, il 2010 è bello e offre un notevole appeal a medio termine una volta che si unisce un po’ di più in bottiglia. Dolci petali di rosa e spezie lasciano un’ultima impressione positiva. (1/2014)

    92 punti Wine Spectator
    Fresco, con note di mentolo e liquirizia che sfumano i sapori di ciliegia e prugna. Questo è vibrante, con acidità e tannini nervosi che guidano il lungo finale. Migliore dal 2019 al 2035. (9/2015)

    Quando bere:   2019/2035

     

  • Marziano ABBONA – BAROLO Docg. 2010

    38,10

    Ottenuto da uve di Monforte d’Alba, è un vino dotato di grande finezza olfattiva, potenza e ottima gradazione alcolica.

    La 2010 è stata la prima annata prodotta.     Matura in botti di legno per 30 mesi che gli donano struttura, grande finezza olfattiva. Appena più fresco e immediato dei Pressenda e Ravera, può essere sorseggiato già nei primi anni di bottiglia.        Il Barolo di Marziano Abbona è un vino che sa dialogare con il passato e con il futuro: perfetto presente di un grande rosso quale deve essere il “Re dei vini”, frutto della tradizione ma anche di un’eleganza e di una pulizia aromatica tutta moderna. Un vino senza compromessi che non ha bisogno di presentazioni, basta solo la sua presenza e l’ottimo rapporto qualità prezzo con cui viene proposto.

    Al naso si sente frutta matura a bacca rossa e nera, piacevoli spezie ed in sottofonfo richiami terziari che ricordano il tabacco biondo e il boisé.

    Al palato è vibrante, caldo e potente, possiede un tannino morbidissimo e levigato. Ottima la persistenza