• Elio Altare – Langhe Rosso Doc. “LARIGI” 2018

    69,60

    Il Langhe Rosso “Larigi” di Elio Altare è un vino piemontese prodotto nelle Langhe, per la precisione nel territorio comunale di La Morra. Si tratta di una versione di Barbera in purezza di particolare pregio e struttura. La scelta di un lungo affinamento in barrique, permette di conoscere un volto piuttosto inedito della Barbera. Alla caratteristica vivace freschezza e all’esuberanza fruttata, unisce aromi intensi ed evoluti. Il sorso trova così un piacevole e sorprendente equilibrio, che smorza un po’ tipica freschezza varietale. È una Barbera armoniosa, intensa e sfaccettata, che conquista per struttura e capacità d’invecchiamento.

    La Barbera Langhe Rosso “Larigi” di Elio Altare è prodotta con le uve di una vecchia vigna, che ha più di 60 anni, coltivata su suoli costituiti da marne argillo-calcaree miste a sabbie. La fermentazione si svolge con una macerazione sulle bucce di 4 giorni in roto-fermentatori a temperatura controllata. Prima d’essere imbottigliato, il vino matura per 18 mesi in barrique nuove di rovere francese.

    Colore: rosso porpora scuro
    Profumo: note di frutti rossi molto intense, molto fruttato e persistente
    Sapore: caldo, morbido, intenso, con tannini setosi e vellutati, una piacevole acidità, sapore che varia dalle more alle ciliegie
    .

    Valutazioni:      Non ci sono ancora Valutazioni per questa annata.

    Quando bere:  No info

  • Elio Altare – Langhe Rosso Doc. “GIARBORINA” 2018

    69,60

    Il vino “Giàrborina” è un Langhe Rosso che Elio Altare produce partendo dalle uve di Nebbiolo, coltivate in vecchie vigne situate a La Morra, in un terreno caratterizzato da marne argillose e sabbiose esposte verso sud. In vigna l’approccio è “pulito” poiché non si utilizzano sostanze chimiche sintetiche, fertilizzanti o pesticidi. Il mosto fermenta in rotofermentatori d’acciaio in cui la temperatura è tenuta sotto controllo, macerando per 3-4 giorni. Si prosegue quindi con la fase di maturazione, in cui il vino viene trasferito per 18 mesi in barrique di rovere nuove. Al termine di questo affinamento, si procede con imbottigliamento e messa in commercio.

    Questo vino è praticamente un Barolo, tranne per il fatto che esce un anno prima. Il Langhe Giàrborina trae i suoi frutti dal sito top Arborina di La Morra. More e prugne sono circondate da fumo, catrame e liquirizia nera nel modo più raffinato ed elegante. Un magnifico Nebbiolo monovitigno, impeccabilmente equilibrato, di impressionante eleganza e dal futuro promettente. DOCTOR WINE

    “Espressione pura del Nebbiolo (che è fatto come un Barolo ma esce un anno prima), il Langhe Giàrborina 2018 di Elio Altare ci dà un’anticipazione di questa annata fresca (e della sua performance ad Arborina, La Morra, dove questo frutto è coltivato). Giàrborina è un’espressione riccamente satura di frutta scura, mora in abbondanza, spezie, catrame e cenere di falò. Il vino mostra quel grado extra di saturazione del colore e di concentrazione fruttata che è un segno distintivo della famiglia Altare. Sul finale c’è un tocco di cedro o di rovere dolce.” ROBERT PARKER

    .

    Valutazioni:      Robert Parker   94/100      Doctor Wine    94/100

    Quando bere:  2023/2037

  • ESAURITO

    ROAGNA – LANGHE ROSSO Doc. 2011

    43,50

    Il Langhe Rosso DOC Roagna è prodotto con le uve delle viti giovani dei vigneti di Pajé e Pira. Pajé é uno dei vigneti storici di Barbaresco ed é situato al centro della superficie vitata del paese. E’ particolarmente ricco in marne calcaree, con alto contenuto di calcare attivo. Pira é una menzione storica di Castiglione Falletto, esposto a sud-est, ha terreni molto complessi, costituiti da roccia calcarea, marne grigie, marne blu e sabbie. Sono tutte piante giovani, sino a 20-25 anni di età e le viti sono esclusivamente di origine massale.

    Il Roagna Langhe Rosso scende nel calice con colore rubino che vira verso il granato. Dichiara la sua origine dalla prima olfazione, Langarola fino al midollo, con note di liquirizia, rosa canina e ciliegia, pur rimanendo inizialmente compresso nella sua rigorosa austerità e avendo bisogno di tempo per distendersi. Si passa allora all’assaggio, per cercare di cogliere l’essenza del vino, ed eccolo rivelarsi in tutta la sua potenza e la sua classe. Irrora il palato, spingendosi in ogni sua zona, essendo dotato di freschezza e sapidità prodigiose. Il tannino è maestoso ma ben scolpito, mentre la persistenza è lunga e raffinata. Una grande bottiglia, di cui godere già ora nella sua vivace gioventù, o da attendere ulteriormente in cantina.

    Valutazioni:   The Wine Front     94/100         Cellar Tracker    91/100