• Giacomo Conterno-Cantine Nervi – Gattinara DOCG. “VIGNA MOLSINO” 2019

    113,60
    Il Gattinara “Vigna Molsino” di Nervi nasce dall’utilizzo di Nebbiolo, uva che viene coltivata all’interno del cru Molsino, a un’altezza compresa fra i 350 e i 420 metri sul livello del mare. Le viti hanno un’età di circa 30 anni e vengono monitorate con cura e attenzione durante tutto il corso dell’annata. L’affinamento ha una durata lunga, e prevede più “tappe”: in primis il vino viene fatto riposare per 48 mesi in botti grandi di rovere, per poi essere trasferito in vasche di cemento per 6 mesi. Infine, dopo l’imbottigliamento, prima della messa in vendita, il “Molsino” matura per altri sei mesi in bottiglia.
    Rubino, con riflessi color granata. Al naso si esprime con sentori di piccoli frutti rossi, note di anice, ginepro e noce moscata e cenni di erbe alpine. Al palato si rivela succoso e avvolgente, con tannini rotondi e una lunghissima persistenza.
    .
    Valutazioni:    Non ci sono ancora valutazioni critiche per questa annata
     .
    Quando bere:   2025/2046

     

  • Giacomo Conterno-Cantine Nervi – Gattinara DOCG. “VIGNA VALFERANA” 2019

    113,60
    Il Gattinara DOCG 2018 Vigna Valferana di Cantine Nervi – Giacomo Conterno, è un rosso piemontese da uve 100% nebbiolo che provengono dal cru di proprietà omonimo, da piante di 30 anni di età situate a circa 320 metri di altitudine. La presenza di suoli di porfidi d’antichissima origine vulcanica, ricchi di minerali ferrosi e il clima fresco, con vigne coltivate sui primi rilievi che salgono verso il Monte Rosa, garantiscono un habitat perfetto per un vitigno esigente come il Nebbiolo.
    La fermentazione si svolge in tini di rovere e vasche di cemento. Il vino matura per 48 mesi in botti di rovere e si affina per 6 mesi in bottiglia.
    .
    Nel calice si presenta di colore rosso rubino tenue con sfumature granato. Al naso austerità e finezza con note balsamiche di erbe alpine,  piccoli frutti a bacca rossa, cenni di grafite e spezie. Il sorso è scorrevole austero e profondo, con tannini fitti ma sottili, un finale fresco e minerale.
    .
    Valutazioni:  Non ci sono ancora valutazioni critiche per questa annata
     .
    Quando bere:   No info

  • Giacomo Conterno-Cantine Nervi- GATTINARA DOCG. 2020

    56,90
    Il Gattinara di Nervi è uno di quei vini capaci di distinguersi per l’equilibrio e per la pulizia che sono in grado di offrire. Nasce nella cantina Nervi, la più antica dell’intero territorio di Gattinara, fondata da Luigi nel lontano 1906, proprio dove il Monte Rosa riesce a proteggere i vigneti dai venti freddi del Nord e garantisce un bel corredo di brezze primaverili e autunnali che sono un ingrediente fondamentale per la perfetta salubrità delle uve.
    Rosso granata. Al naso si esprime con sentori di marasca e mirtilli, note di sottobosco e leggeri toni speziati. Al palato si rivela pieno e incisivo, con tannini ben integrati e un’ottima persistenza.
    .
    Valutazioni:    Non ci sono ancora valutazioni critiche per questa annata
    .
    Quando bere:   No info

     

  • Giacomo Conterno – Barbera d’Alba DOC. “VIGNA FRANCIA” 2021

    64,40

    Questa Barbera d’Alba prende vita dal vigneto Francia, il cru più meridionale di Serralunga assieme ad Arione: quel vigneto che dà vita all’eterno Monfortino. Dopo 20 mesi di botte e da un vigneto caratterizzato da una spiccata mineralità e personalità, nasce una delle Barbera più rappresentative del territorio. Un altro piccolo grande capolavoro di Roberto Conterno.

    Calice color rosso rubino profondo, denso. L’olfatto è cesellato da nuances scure di amarene, violetta e lavanda e da profumi delicati di grafite e di affumicatura. Bocca fortemente minerale, caratteristica del cru Francia. Sorso energico, persistente, vibrante. La spiccata acidità e la meravigliosa struttura alcolica rendono questa Barbera particolarmente longeva. Finale elegante su armoniose note floreali

    Valutazioni: Non ci sono ancora valutazioni critiche per questa annata

    Quando bere:  No info

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. “FRANCIA” 2018 Magnum

    507,00

    Max 1 Bottiglia per cliente

    Il Barolo FRANCIA viene prodotto con le uve provenienti dal vigneto Francia!!! Perché vi dico questo, parrebbe scontato. ma così non è, perché nello stesso vigneto nasce il Re dei Baroli o il Barolo dei re, il Monfortino.

    Calice rosso granato, di grandiosa luminosità. Il naso si esprime su un bouquet elegante di fiori rosa e bianchi, di liquirizia e tabacco, con dolci rimandi di frutti di bosco. Bocca armonica, delicata, rivela uno spessore incredibile e persistenza infinita. Finezza, rigore e precisione. L’azienda produce il suo Barolo Francia con lieviti naturali, fermentazione a temperatura controllata e una lunga macerazione di 3-4 settimane; successivamente il vino matura in grandi botti di Slavonia e in bottiglia per un totale di quattro anni.

    Wine Advocate
    Dei tre campioni di Barolo che ho assaggiato dalla botte (inclusi Arione e Cerretta, anch’essi di Serralunga d’Alba), il Barolo Francia Giacomo Conterno 2018 è stato il più indietro e il più difficile da definire in questa fase agli esordi. Ho ampliato la mia gamma di spartiti di conseguenza per compensare le magiche incognite che potrebbero verificarsi man mano che il vino si muove verso una maggiore armonia e integrazione prima della sua uscita commerciale. Il vino è lineare e decisamente concentrato, privo dell’ampiezza e del volume che acquisirà quando gli verrà dato più tempo per rimpolparsi e rilassarsi. Anche gli aromi sono piuttosto primari e semplici a questo punto, con ciliegia scura e persino un accenno di fragola matura che cede gradualmente a erbe grigliate, fiori blu e mattoni cotti. Questa annata di Barolo Francia richiederà pazienza. (ML)  (11/2021)

    Vinous
    Il Barolo Francia 2018 è potente, profondo e anche un tocco austero. Mostra la spigolosità di tutti gli anni 2018, ma ha anche una sensazione di cremosità strutturale che aggiunge tantissimo carattere. Spezie, mentolo, cuoio e un’intera gamma di sfumature balsamiche si fondono nel finale profondo e imponente. Roberto Conterno ha deciso di rinunciare al suo Barolo Monfortino nel 2018, optando invece per unire tutte le botti nel suo imbottigliamento in Francia. Quando ciò accade, la Francia spesso sorprende lungo la strada. Questo potrebbe benissimo rivelarsi il caso qui. (AG) 95+  (10/2022)

    Wine Spectator
    Offre profondità e potenza, con mentolo ed erbe selvatiche che sfumano i sapori di ciliegia e prugna. Alla fine l’equilibrio pende verso i tannini, ma questi non sembrano eccessivamente astringenti, solo più strutturati di molti ’18. Raccoglie un elemento minerale poiché questo indugia sul finale. Essere pazientare. (BS, Web-2023)

    Falstaff
    Annata 2018 Degustata: ottobre 2022
    Rubino granato scintillante, di media densità, con unghia leggera. Al naso presenta intense note di tartufo e cuoio, poi prugna e ciliegia, con petali di rosa sullo sfondo. Al palato è abbondante e speziato, si apre con molti tannini densi e aderenti, abbondante, molta prugna, poi componenti terrosi pronunciati, come catrame e cuoio, finale molto lungo.

    Valutazioni:  Robert Parker   94-97/100    Vinous   95/100    Wine Spectator   95/100

    Falstaff   97/100
         

    Quando bere:  2024/2055

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. “ARIONE” 2018

    223,00

    Max 1 Bottiglia per cliente

    L’Arione di Giacomo Conterno è una intrigante interpretazione del Cru omonimo, per un’estensione complessiva di 9 ettari. Adiacente a Cascina Francia, condivide terreni simili, ma può avere un’esposizione a sud ancora migliore e che la cantina con sede a Monforte d’Alba, vera e propria icona dello scenario enoico mondiale, ha acquisito nel 2015.

    Decanter 
    Con terreni giovani e colline ripide, l’importanza dell’Arione è facilmente intuibile. L’esposizione a sud ha aiutato la qualità di quest’annata e il vino mostra un sobrio aroma di frutta di ribes rosso con aggraziate cannella, viola mammola e anguria, alleato ad un soffio di anice, quasi erbaceo. Pieno, rinfrescante e molto elegante ma non privo di struttura decisa, presenta un finale gessoso estratto. Invecchierà abbastanza bene per essere un 2018. (AF) (1/2022)

    Wine Advocate
     Degustato dalla botte, il Barolo Arione 2018 ha ancora un altro anno in botte e tempo in bottiglia prima della sua uscita commerciale. Il vino mostra tuttavia una spiccata personalità, da subito gentile e schietta nonostante la giovanissima età. Con il frutto di Serralunga d’Alba, qui c’è una morbidezza eterea, ma questa caratterizzazione è relativa considerando l’ampia potenza e profondità sempre associate a questo sito. Sembra che questa annata 2018 si stia ancora riscaldando e stia lentamente acquistando volume e peso. La sua metamorfosi è lungi dall’essere completa. Tuttavia, ciò che ora puoi leggere nel vino è la qualità del suo frutto e i suoi classici aromi del Nebbiolo di frutti di bosco, viola pressata, ruggine e arancia rossa. (ML) (11/2021)

    Vinous/Antonio Galloni
    Il Barolo Arione 2018 è un vino imponente. La sua sola presenza è impossibile da perdere. Arione è un vino che pretende attenzione. C’è qualcosa di selvaggio ed esotico, quasi animalesco, nell’Arione e nel modo in cui si afferma. Il tempo nel bicchiere esalta sentori di salvia, mentolo, pepe bianco e scorza d’arancia. Un generoso calcio di acidità e tannino di Serralunga scandisce il finale. E’ ancora presto per il Barolo di Arione di Roberto Conterno. Non vedo l’ora di vedere come invecchia. (AG)  (10/2022)

    Wine Enthusiast
    Profumato e soave, questo rosso vanta aromi e sapori di ciliegia, fragola, sandalo, floreali e menta. Questo è incentrato sulla finezza e l’armonia, con la sua precisione ed equilibrio che forniscono un senso di continuità, anche in questa fase giovanile. Gli elementi fruttati, speziati e saporiti persistono nel retrogusto.  (BS)

    Valutazioni:  Robert Parker   96/100    Decanter  96/100   Vinous   95/100

    Wine Enthusiast  95/100      Falstaff    97/100
         

    Quando bere:  2024/2055

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. “FRANCIA” 2018

    223,00

    Max 1 Bottiglia per cliente

    Il Barolo FRANCIA viene prodotto con le uve provenienti dal vigneto Francia!!! Perché vi dico questo, parrebbe scontato. ma così non è, perché nello stesso vigneto nasce il Re dei Baroli o il Barolo dei re, il Monfortino.

    Calice rosso granato, di grandiosa luminosità. Il naso si esprime su un bouquet elegante di fiori rosa e bianchi, di liquirizia e tabacco, con dolci rimandi di frutti di bosco. Bocca armonica, delicata, rivela uno spessore incredibile e persistenza infinita. Finezza, rigore e precisione. L’azienda produce il suo Barolo Francia con lieviti naturali, fermentazione a temperatura controllata e una lunga macerazione di 3-4 settimane; successivamente il vino matura in grandi botti di Slavonia e in bottiglia per un totale di quattro anni.

    Wine Advocate
    Dei tre campioni di Barolo che ho assaggiato dalla botte (inclusi Arione e Cerretta, anch’essi di Serralunga d’Alba), il Barolo Francia Giacomo Conterno 2018 è stato il più indietro e il più difficile da definire in questa fase agli esordi. Ho ampliato la mia gamma di spartiti di conseguenza per compensare le magiche incognite che potrebbero verificarsi man mano che il vino si muove verso una maggiore armonia e integrazione prima della sua uscita commerciale. Il vino è lineare e decisamente concentrato, privo dell’ampiezza e del volume che acquisirà quando gli verrà dato più tempo per rimpolparsi e rilassarsi. Anche gli aromi sono piuttosto primari e semplici a questo punto, con ciliegia scura e persino un accenno di fragola matura che cede gradualmente a erbe grigliate, fiori blu e mattoni cotti. Questa annata di Barolo Francia richiederà pazienza. (ML)  (11/2021)

    Vinous
    Il Barolo Francia 2018 è potente, profondo e anche un tocco austero. Mostra la spigolosità di tutti gli anni 2018, ma ha anche una sensazione di cremosità strutturale che aggiunge tantissimo carattere. Spezie, mentolo, cuoio e un’intera gamma di sfumature balsamiche si fondono nel finale profondo e imponente. Roberto Conterno ha deciso di rinunciare al suo Barolo Monfortino nel 2018, optando invece per unire tutte le botti nel suo imbottigliamento in Francia. Quando ciò accade, la Francia spesso sorprende lungo la strada. Questo potrebbe benissimo rivelarsi il caso qui. (AG) 95+  (10/2022)

    Wine Spectator
    Offre profondità e potenza, con mentolo ed erbe selvatiche che sfumano i sapori di ciliegia e prugna. Alla fine l’equilibrio pende verso i tannini, ma questi non sembrano eccessivamente astringenti, solo più strutturati di molti ’18. Raccoglie un elemento minerale poiché questo indugia sul finale. Essere pazientare. (BS, Web-2023)

    Falstaff
    Annata 2018 Degustata: ottobre 2022
    Rubino granato scintillante, di media densità, con unghia leggera. Al naso presenta intense note di tartufo e cuoio, poi prugna e ciliegia, con petali di rosa sullo sfondo. Al palato è abbondante e speziato, si apre con molti tannini densi e aderenti, abbondante, molta prugna, poi componenti terrosi pronunciati, come catrame e cuoio, finale molto lungo.

    Valutazioni:  Robert Parker   94-97/100    Vinous   95/100    Wine Spectator   95/100

    Falstaff   97/100
         

    Quando bere:  2024/2055

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno – Barbera d’Alba DOC. “VIGNA FRANCIA” 2020

    53,70

    Questa Barbera d’Alba prende vita dal vigneto Francia, il cru più meridionale di Serralunga assieme ad Arione: quel vigneto che dà vita all’eterno Monfortino. Dopo 20 mesi di botte e da un vigneto caratterizzato da una spiccata mineralità e personalità, nasce una delle Barbera più rappresentative del territorio. Un altro piccolo grande capolavoro di Roberto Conterno.

    Calice color rosso rubino profondo, denso. L’olfatto è cesellato da nuances scure di amarene, violetta e lavanda e da profumi delicati di grafite e di affumicatura. Bocca fortemente minerale, caratteristica del cru Francia. Sorso energico, persistente, vibrante. La spiccata acidità e la meravigliosa struttura alcolica rendono questa Barbera particolarmente longeva. Finale elegante su armoniose note floreali

    Falstaff
    Annata 2020 Degustata: ottobre 2022
    Rosso rubino con riflessi violacei. Al naso è intenso con chiare note dolci di ciliegia, ribes, lampone e fragoline di bosco. Al palato mostra buona struttura, morbidezza ed eleganza e riprende il frutto con un leggero accenno speziato, qualche riserva in più non guasta certo, ma il vino è già interessante e accessibile.

    Valutazioni:  Falstaff  94/100    Wine Spectator   92/100

    Quando bere:  2025/2040

  • Giacomo Conterno-Cantine Nervi – Gattinara DOCG. “VIGNA VALFERANA” 2018

    113,60
    Il Gattinara DOCG 2018 Vigna Valferana di Cantine Nervi – Giacomo Conterno, è un rosso piemontese da uve 100% nebbiolo che provengono dal cru di proprietà omonimo, da piante di 30 anni di età situate a circa 320 metri di altitudine. La presenza di suoli di porfidi d’antichissima origine vulcanica, ricchi di minerali ferrosi e il clima fresco, con vigne coltivate sui primi rilievi che salgono verso il Monte Rosa, garantiscono un habitat perfetto per un vitigno esigente come il Nebbiolo.
    La fermentazione si svolge in tini di rovere e vasche di cemento. Il vino matura per 48 mesi in botti di rovere e si affina per 6 mesi in bottiglia.
    .
    Nel calice si presenta di colore rosso rubino tenue con sfumature granato. Al naso austerità e finezza con note balsamiche di erbe alpine,  piccoli frutti a bacca rossa, cenni di grafite e spezie. Il sorso è scorrevole austero e profondo, con tannini fitti ma sottili, un finale fresco e minerale.
    .
    Valutazioni:     Robert Parker    95/100
     .
    Quando bere:   2024/2042

     

  • Giacomo Conterno-Cantine Nervi – Gattinara DOCG. “VIGNA MOLSINO” 2018

    113,60
    Il Gattinara “Vigna Molsino” di Nervi nasce dall’utilizzo di Nebbiolo, uva che viene coltivata all’interno del cru Molsino, a un’altezza compresa fra i 350 e i 420 metri sul livello del mare. Le viti hanno un’età di circa 30 anni e vengono monitorate con cura e attenzione durante tutto il corso dell’annata. L’affinamento ha una durata lunga, e prevede più “tappe”: in primis il vino viene fatto riposare per 48 mesi in botti grandi di rovere, per poi essere trasferito in vasche di cemento per 6 mesi. Infine, dopo l’imbottigliamento, prima della messa in vendita, il “Molsino” matura per altri sei mesi in bottiglia.
    Rubino, con riflessi color granata. Al naso si esprime con sentori di piccoli frutti rossi, note di anice, ginepro e noce moscata e cenni di erbe alpine. Al palato si rivela succoso e avvolgente, con tannini rotondi e una lunghissima persistenza.
    .
    Valutazioni:     Robert Parker    96/100
     .
    Quando bere:   2024/2045

     

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno-Cantine Nervi- GATTINARA DOCG. 2019

    53,70
    Il Gattinara di Nervi è uno di quei vini capaci di distinguersi per l’equilibrio e per la pulizia che sono in grado di offrire. Nasce nella cantina Nervi, la più antica dell’intero territorio di Gattinara, fondata da Luigi nel lontano 1906, proprio dove il Monte Rosa riesce a proteggere i vigneti dai venti freddi del Nord e garantisce un bel corredo di brezze primaverili e autunnali che sono un ingrediente fondamentale per la perfetta salubrità delle uve.
    Rosso granata. Al naso si esprime con sentori di marasca e mirtilli, note di sottobosco e leggeri toni speziati. Al palato si rivela pieno e incisivo, con tannini ben integrati e un’ottima persistenza.
    .
    Valutazioni:    Wine Spectator  92/100
    .
    Quando bere:   2025/2041

     

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno-Cantine Nervi- GATTINARA DOCG. 2018

    0,00
    Il Gattinara di Nervi è uno di quei vini capaci di distinguersi per l’equilibrio e per la pulizia che sono in grado di offrire. Nasce nella cantina Nervi, la più antica dell’intero territorio di Gattinara, fondata da Luigi nel lontano 1906, proprio dove il Monte Rosa riesce a proteggere i vigneti dai venti freddi del Nord e garantisce un bel corredo di brezze primaverili e autunnali che sono un ingrediente fondamentale per la perfetta salubrità delle uve.
    Rosso granata. Al naso si esprime con sentori di marasca e mirtilli, note di sottobosco e leggeri toni speziati. Al palato si rivela pieno e incisivo, con tannini ben integrati e un’ottima persistenza.
    .
    Valutazioni:    Wine Spectator   93/100     Robert Parker   92/100       Cellar Tracher  92/100
    .
    Quando bere:   2024/2040

     

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno-Cantine Nervi – Gattinara DOCG. “VIGNA MOLSINO” 2016

    79,70
    Il Gattinara “Vigna Molsino” di Nervi nasce dall’utilizzo di Nebbiolo, uva che viene coltivata all’interno del cru Molsino, a un’altezza compresa fra i 350 e i 420 metri sul livello del mare. Le viti hanno un’età di circa 30 anni e vengono monitorate con cura e attenzione durante tutto il corso dell’annata. L’affinamento ha una durata lunga, e prevede più “tappe”: in primis il vino viene fatto riposare per 48 mesi in botti grandi di rovere, per poi essere trasferito in vasche di cemento per 6 mesi. Infine, dopo l’imbottigliamento, prima della messa in vendita, il “Molsino” matura per altri sei mesi in bottiglia.
    Rubino, con riflessi color granata. Al naso si esprime con sentori di piccoli frutti rossi, note di anice, ginepro e noce moscata e cenni di erbe alpine. Al palato si rivela succoso e avvolgente, con tannini rotondi e una lunghissima persistenza.
    .
    Falstaff
    Annata 2016 degustata: ottobre 2021
    Rubino frizzante con un sottile luccichio granato. Naso emozionante e complesso, si apre con note di ciliegia fresca, poi lamponi, ancora zafferano e qualche pietra focaia. Al palato tanti tannini a maglia fitta, avvincente e lungo, frutta matura fine, salata e molto persistente, tanta freschezza nel finale.
    .
    Valutazioni:           Vinous/Antonio Galloni   96/100     Falstaff   94/100     Cellar Tracker   94/100
     .
    Quando bere:   2023/2066

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. Riserva “MONFORTINO” 2015 Magnum

    2.758,50

    La punta di diamante dell’enologia italiana. Il leggendario Barolo Riserva Monfortino delle cantine Giacomo Conterno è il fiore all’occhiello di tutta la nostra produzione. L’unica etichetta italiana in grado di competere con le quotazioni delle più blasonate bottiglie francesi, confermandosi come una vera asset allocation per chi intende il vino come investimento alternativo alla Borsa Valori.

    Ma, ovviamente, oltre a rappresentare un importante investimento, il Monfortino è la perfezione nel bicchiere, da bere almeno una volta nella vita. Figlio di una solida quanto semplice filosofia produttiva: secondo Roberto Conterno (nipote del fondatore Giacomo) il buon vino necessita solo di maturità, tempo e travasi. Proveniente dal mitico vigneto Francia, è prodotto solo in grandi annate e viene messo in commercio dopo otto anni di maturazione. Un vino monumentale ed emozionante, il capolavoro assoluto dell’enologia italiana.

     

    Valutazioni:   Robert Parker  98/100    Cellar Tracker  98/100

    Quando bere:   2026/2055

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. Riserva “MONFORTINO” 2015

    1.204,80

    Max 1 Bottiglia per cliente

    La punta di diamante dell’enologia italiana. Il leggendario Barolo Riserva Monfortino delle cantine Giacomo Conterno è il fiore all’occhiello di tutta la nostra produzione. L’unica etichetta italiana in grado di competere con le quotazioni delle più blasonate bottiglie francesi, confermandosi come una vera asset allocation per chi intende il vino come investimento alternativo alla Borsa Valori.

    Ma, ovviamente, oltre a rappresentare un importante investimento, il Monfortino è la perfezione nel bicchiere, da bere almeno una volta nella vita. Figlio di una solida quanto semplice filosofia produttiva: secondo Roberto Conterno (nipote del fondatore Giacomo) il buon vino necessita solo di maturità, tempo e travasi. Proveniente dal mitico vigneto Francia, è prodotto solo in grandi annate e viene messo in commercio dopo otto anni di maturazione. Un vino monumentale ed emozionante, il capolavoro assoluto dell’enologia italiana.

     

    Valutazioni:  Robert Parker  98/100    Cellar Tracker  98/100

    Quando bere:   2026/2055

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. “FRANCIA” 2017 Magnum

    518,70

    Il Barolo FRANCIA viene prodotto con le uve provenienti dal vigneto Francia!!! Perché vi dico questo, parrebbe scontato. ma così non è, perché nello stesso vigneto nasce il Re dei Baroli o il Barolo dei re, il Monfortino.

    Calice rosso granato, di grandiosa luminosità. Il naso si esprime su un bouquet elegante di fiori rosa e bianchi, di liquirizia e tabacco, con dolci rimandi di frutti di bosco. Bocca armonica, delicata, rivela uno spessore incredibile e persistenza infinita. Finezza, rigore e precisione. L’azienda produce il suo Barolo Francia con lieviti naturali, fermentazione a temperatura controllata e una lunga macerazione di 3-4 settimane; successivamente il vino matura in grandi botti di Slavonia e in bottiglia per un totale di quattro anni.

    Valutazioni:   Robert Parker   97/100
         

    Quando bere:  2026/2053

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. “FRANCIA” 2017

    242,30

    Max 1 Bottiglia per cliente

    Il Barolo FRANCIA viene prodotto con le uve provenienti dal vigneto Francia!!! Perché vi dico questo, parrebbe scontato. ma così non è, perché nello stesso vigneto nasce il Re dei Baroli o il Barolo dei re, il Monfortino.

    Calice rosso granato, di grandiosa luminosità. Il naso si esprime su un bouquet elegante di fiori rosa e bianchi, di liquirizia e tabacco, con dolci rimandi di frutti di bosco. Bocca armonica, delicata, rivela uno spessore incredibile e persistenza infinita. Finezza, rigore e precisione. L’azienda produce il suo Barolo Francia con lieviti naturali, fermentazione a temperatura controllata e una lunga macerazione di 3-4 settimane; successivamente il vino matura in grandi botti di Slavonia e in bottiglia per un totale di quattro anni.

    Valutazioni:  Robert Parker   97/100
         

    Quando bere:  2026/2053

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno – Barbera d’Alba DOC. “VIGNA FRANCIA” 2019

    48,40

    Questa Barbera d’Alba prende vita dal vigneto Francia, il cru più meridionale di Serralunga assieme ad Arione: quel vigneto che dà vita all’eterno Monfortino. Dopo 20 mesi di botte e da un vigneto caratterizzato da una spiccata mineralità e personalità, nasce una delle Barbera più rappresentative del territorio. Un altro piccolo grande capolavoro di Roberto Conterno.

    Calice color rosso rubino profondo, denso. L’olfatto è cesellato da nuances scure di amarene, violetta e lavanda e da profumi delicati di grafite e di affumicatura. Bocca fortemente minerale, caratteristica del cru Francia. Sorso energico, persistente, vibrante. La spiccata acidità e la meravigliosa struttura alcolica rendono questa Barbera particolarmente longeva. Finale elegante su armoniose note floreali

    Valutazioni:  Cellar Tracker  93/100

    Quando bere:  2024/2039

  • ESAURITO

    Giacomo Conterno – Barolo DOCG. Riserva “MONFORTINO” 2014 Magnum

    2.352,80

    La punta di diamante dell’enologia italiana. Il leggendario Barolo Riserva Monfortino delle cantine Giacomo Conterno è il fiore all’occhiello di tutta la nostra produzione. L’unica etichetta italiana in grado di competere con le quotazioni delle più blasonate bottiglie francesi, confermandosi come una vera asset allocation per chi intende il vino come investimento alternativo alla Borsa Valori.

    Ma, ovviamente, oltre a rappresentare un importante investimento, il Monfortino è la perfezione nel bicchiere, da bere almeno una volta nella vita. Figlio di una solida quanto semplice filosofia produttiva: secondo Roberto Conterno (nipote del fondatore Giacomo) il buon vino necessita solo di maturità, tempo e travasi. Proveniente dal mitico vigneto Francia, è prodotto solo in grandi annate e viene messo in commercio dopo otto anni di maturazione. Un vino monumentale ed emozionante, il capolavoro assoluto dell’enologia italiana.

    Vinous di Antonio Galloni
    Quando si tratta di paragoni di ogni genere, tutte le scommesse sono aperte con il Monfortino 2014, un Barolo che entra nella stratosfera di una bellezza profonda e assolutamente commovente. Senza soluzione di continuità ed elegante nel bicchiere, con aromi sorprendenti e tannini perfettamente maturi, il 2014 è semplicemente mozzafiato nella sua bellezza. Nel 2014 Roberto Conterno ha atteso molto tardi la raccolta di questo frutto. Il risultato è un Barolo che offre l’opulenza materica del frutto raccolto a fine stagione con la profondità aromatica e la struttura di un vino di un’annata fresca. Più incredibilmente di tutti, il 2014 è analiticamente un vino molto tannico, eppure la sensazione è di un Barolo di morbidezza e opulenza. Un’ondata di frutti di bosco rosso scuro/violaceo, arancia rossa, spezie, tabacco e menta si aggiunge al finale estatico. I lettori che possono trovare il 2014 quando uscirà l’anno prossimo non dovrebbero esitare, come sarà senza dubbio considerato uno dei più grandi Monfortino mai realizzati. Finestra delle bevande 2024-2064. (AG)  (11/2019)

    Wine Advocate di Robert Parker
    Degustato dalla botte, a circa un anno dall’imbottigliamento, il Barolo Riserva Monfortino 2014 si preannuncia essere una vera icona. Da un punto di vista analitico, questa annata registra tannini leggermente superiori (rispetto al 2013), e questo è qualcosa a cui l’enologo Roberto Conterno guarda con attenzione, soprattutto perché tutta la sua filosofia e metodologia premia la longevità. Quello che trovo più interessante qui è la pura densità e rotondità del frutto che sfida le nostre aspettative di questa annata più fresca. Quella ricchezza di frutta scura è perfettamente misurata con la spina dorsale strutturale del vino. Quel rapporto tra frutto e tannino è in definitiva ciò che conferisce a questo vino un senso di equilibrio così preciso.  Data della bevanda 2025-2060. (ML)  (6/2019)

    Valutazioni:   Robert Parker    100/100       Antonio Galloni   100/100      Doctor Wine    99/100

    Quando bere:   2025/2064

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • Giacomo Conterno – Barolo DOCG. Riserva “MONFORTINO” 2014

    1.338,70

    Max 1 Bottiglia per cliente

    La punta di diamante dell’enologia italiana. Il leggendario Barolo Riserva Monfortino delle cantine Giacomo Conterno è il fiore all’occhiello di tutta la nostra produzione. L’unica etichetta italiana in grado di competere con le quotazioni delle più blasonate bottiglie francesi, confermandosi come una vera asset allocation per chi intende il vino come investimento alternativo alla Borsa Valori.

    Ma, ovviamente, oltre a rappresentare un importante investimento, il Monfortino è la perfezione nel bicchiere, da bere almeno una volta nella vita. Figlio di una solida quanto semplice filosofia produttiva: secondo Roberto Conterno (nipote del fondatore Giacomo) il buon vino necessita solo di maturità, tempo e travasi. Proveniente dal mitico vigneto Francia, è prodotto solo in grandi annate e viene messo in commercio dopo otto anni di maturazione. Un vino monumentale ed emozionante, il capolavoro assoluto dell’enologia italiana.

    Vinous di Antonio Galloni
    Quando si tratta di paragoni di ogni genere, tutte le scommesse sono aperte con il Monfortino 2014, un Barolo che entra nella stratosfera di una bellezza profonda e assolutamente commovente. Senza soluzione di continuità ed elegante nel bicchiere, con aromi sorprendenti e tannini perfettamente maturi, il 2014 è semplicemente mozzafiato nella sua bellezza. Nel 2014 Roberto Conterno ha atteso molto tardi la raccolta di questo frutto. Il risultato è un Barolo che offre l’opulenza materica del frutto raccolto a fine stagione con la profondità aromatica e la struttura di un vino di un’annata fresca. Più incredibilmente di tutti, il 2014 è analiticamente un vino molto tannico, eppure la sensazione è di un Barolo di morbidezza e opulenza. Un’ondata di frutti di bosco rosso scuro/violaceo, arancia rossa, spezie, tabacco e menta si aggiunge al finale estatico. I lettori che possono trovare il 2014 quando uscirà l’anno prossimo non dovrebbero esitare, come sarà senza dubbio considerato uno dei più grandi Monfortino mai realizzati. Finestra delle bevande 2024-2064. (AG)  (11/2019)

    Wine Advocate di Robert Parker
    Degustato dalla botte, a circa un anno dall’imbottigliamento, il Barolo Riserva Monfortino 2014 si preannuncia essere una vera icona. Da un punto di vista analitico, questa annata registra tannini leggermente superiori (rispetto al 2013), e questo è qualcosa a cui l’enologo Roberto Conterno guarda con attenzione, soprattutto perché tutta la sua filosofia e metodologia premia la longevità. Quello che trovo più interessante qui è la pura densità e rotondità del frutto che sfida le nostre aspettative di questa annata più fresca. Quella ricchezza di frutta scura è perfettamente misurata con la spina dorsale strutturale del vino. Quel rapporto tra frutto e tannino è in definitiva ciò che conferisce a questo vino un senso di equilibrio così preciso.  Data della bevanda 2025-2060. (ML)  (6/2019)

    Valutazioni:   Robert Parker    100/100       Antonio Galloni   100/100      Doctor Wine    99/100

    Quando bere:   2027/2064

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.