• Chateau Pichon Longueville – Bordeaux-Pauillac-Deuxieme Grand Cru Classé “COMTESSE DE LALANDE” 2000

    398,00

    Trattativa Riservata

    A bordeaux, e non solo, è stata un’annata straordinaria. L’andamento climatico è stato ottimale per ottenere vini di eccezionale consistenza e equilibrio, donando una longevità che nei migliori vini dovrebbe durare sino alla terza decade o addirittura alla quarta del 2000.

    Note K&L
    95 punti, Jane Anson per Inside Bordeaux: “Al momento amo l’annata 2000 a Pauillac, perché finalmente ha finalmente iniziato ad ammorbidirsi e ad aprirsi. Questo è un ottimo esempio di cosa troverai se apri la cima Pauillac di questa annata in questo momento, note di mora, cassis, cedro speziato e liquirizia che ci si aspetta dalla denominazione, con tannini ancora robusti e sempre presenti ma che ora lasciano trasparire il frutto, anche tocchi di sigaro e tabacco mostra che le cose stanno iniziando davvero ad ammorbidirsi. Testardo per anni ed è ancora un tono abbastanza severo nel complesso, non il più generoso dei profili, ma questo è un ottimo e classico Pauillac.   (07/2021)

    Wine Advocate-Parker
    Seduto accanto al mio ex collega, Pierre Antoine Rovani, in una delle degustazioni, ha commentato che non gli piaceva la nota verde sorprendente negli aromi di questo vino, che non ho rilevato affatto, e una bottiglia successiva a neanche un altro assaggio lo ha rivelato. Penso che ci sia un accenno di foglia di alloro e una carnosità. In breve, trovo che questo sia un Pichon Lalande spettacolare. Di colore viola intenso, con un sacco di caffè, moka, creme de cassis e note di cioccolato, questa è una miscela alquanto insolita di 50% Cabernet Sauvignon, 34% Merlot e un enorme Petit Verdot 10%, con un po’ di Cabernet Franco. Il Petit Verdot dona sicuramente al vino più una tapenade, una nota floreale, che penso possa essere interpretata da alcuni come erbacea. Questo è un Pichon Lalande ricco, opulento e sorprendente che sta iniziando a bere magnificamente, ma dovrebbe continuare a migliorare per almeno altri 10-15 anni e durare 30 o più anni.

    James Suckling
    Amo il naso di cedro e frutta, con sentori di tabacco dolce e prugne. Pieno e rotondo, con un frutto piuttosto denso e un finale lungo e setoso. Complesso e bello. Potresti berlo adesso, ma io aspetterei comunque. Questo continua ad evolversi nel bicchiere, mostrando note di porcini. Questo potrebbe essere il nuovo 1982. (4/2012)

    Wine Spectator
    Questo ha pronunciati aromi di alloro e cespuglio di cassis che conferiscono un sacco di vigore pepato ed erbaceo, ma questo non è certo sul lato magro poiché c’è un sacco di note di ribes e frutti di mora meravigliosamente puri al centro. Il finale è elegante e scintillante mentre una nota di ferro prende il sopravvento. (JM) (6/2016)

    .

    Valutazioni:      Robert Parker   96/100     Wine Spectator   96/100

    .                                 Wine Entusiast    96/100        James Suckling   95/100

    Quando bere:  2015/2050

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.