ESAURITO

Philipponat – Champagne Cuvée “ROYALE RESERVE ROSE’ ” Brut

66,00

75% Pinot Noir, 20% Chardonnay e 5% Pinot Meunier, di cui il 25-30% vini di riserva gestiti in “Solera” per non perdere la freschezza. Fermentazione malolattica e passaggio in fusti di rovere di una parte dei vini per permettere agli aromi di guadagnare in complessità. Il suo colore delicatamente rosato è dovuto all’aggiunta misurata di Pinot Noir proveniente da una vecchia vite del vigneto di Mareuil, vinificato in rosso. Dosage moderato (9 g/l) per mantenere l’equilibrio tra freschezza e fruttosità. Spuma fine.
Circa 3 anni sui lieviti, molto più lunghi dei 15 mesi minimi di legge. A tutti i vini vengono concessi tre mesi tra la sboccatura e la spedizione

Rosa salmone luminoso con perlage fine e persistente. Al naso frutti rossi con note di ciliegia e fragoline di bosco. In un secondo tempo compaiono note di agrumi e scorza di pompelmo. Palato ampio e pieno, sostenuto da una buona acidità.

Ultima Sboccatura (2021)

 

ESAURITO

Descrizione

Philipponnat è una casa di Champagne francese di proprietà dell’omonima famiglia la cui storia vinicola nella regione risale al XVI secolo quando erano coltivatori e commercianti, fornendo vino alla corte di Luigi XIV. Le cantine settecentesche dell’azienda facevano parte del Château de Mareuil.

L’azienda è particolarmente nota per le cuvées deluxe vintage Clos des Goisses ( brut e rosé ), prodotte e denominate per un vigneto murato di 5,5 ettari (13,6 acri) su un pendio non ombreggiato di 45 gradi esposto a sud, che è considerato fornire il terroir più caldo della regione. La collezione comprende anche la linea Royale Réserve non vintage e un’ampia selezione di stili di vini d’annata.

In totale l’azienda dispone di 17 ettari (42 acri) di vigneti ad Aÿ, Mareuil-sur-Aÿ e Avenay, tutti classificati come Premier o Grand Cru . In cantina, Philipponnat utilizza una forma di solera sistema di invecchiamento per la componente vino di riserva dei suoi blend non millesimati, mescolando da un quarto a un terzo del vino di riserva invecchiato in botte con la produzione dell’anno in corso e conservando una parte di questa miscela per formare il vino di riserva per l’anno successivo. La casa afferma di essere la prima ad indicare sulla retro etichetta l’annata principale utilizzata nei blend non millesimati, insieme al livello di dosaggio e alla data di sboccatura.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Paese

Formato

Gradazione

Vitigni