ESAURITO

Giacomo Fenocchio – Barolo Docg. “BUSSIA” 2014

42,10

La tenuta Giacomo Fenocchio dispone di 5 ettari vitati nella parte bassa del terroir Bussia Grand Cru, il più vicino al paese di Barolo e soprattutto il più qualitativo. I vitigni di Nebbiolo sono ben esposti a sud-ovest, in forte pendenza.
Il sottosuolo ha in particolare le stesse caratteristiche del vicino terroir dell’eccezionale Cru Villero. Il suolo è infatti composto da argilla compatta di tipo marna blu associata a calcare e forte presenza di ossido di ferro.
Al palato, il Barolo Bussia 2014 di Giacomo Fenocchio si esprime a prima vista con potenza trattenuta. Lo stile del vino rosso è quello che alcuni chiamano ancora più maschile dei quattro terroir (Bussia – Villero – Castellero – Cannubi).
Insomma, il vino rosso è più ampio che lungo, più sensuale e allo stesso tempo anche più consensuale! Questa cuvée incanta la maggior parte dei palati perché il suo messaggio è profondo, raffinato, fine e delicato.

Valutazioni:   Wine Entusiast   93/100

Quando bere:    2020/2030

 

ESAURITO

Descrizione

E’ una storia di integrità produttiva e di sacro rispetto per il territorio, quella della cantina Giacomo Fenocchio di Monforte d’Alba. Da oltre cinque generazioni questa famiglia di viticoltori mantiene nel proprio DNA la tradizione dei barolisti più puri, di quelli che non seguono le mode o svendono la propria filosofia alle logiche del mercato. Dieci ettari nel cuore del Barolo allevati, oggi, con cura paterna da Claudio Fenocchio, viticoltore autentico, che entra in vigna ogni sacrosanto giorno che Dio manda in terra.  Quattro Cru con caratteristiche geologiche differenti: c’è il Cannubi, con terreni marnosi e una cospicua presenza di sabbia; il Villero, ricco di ferro, con sedimenti calcarei e argillosi; il Castellero, simile al Cannubi con una prevalenza di sabbie gialle, e il Bussia, che ha presenza calcarea e di tufacei bluastri. In casa Fenocchio non sono ammesse scorciatoie nella produzione dei Barolo, con un lavoro selettivo che parte dalla vigna per andare in cantina con fermentazioni completamente naturali, lieviti indigeni e temperature, che si mantengono costanti solo con i rimontaggi giornalieri. Anche l’uso dei legni è misurato, senza fare sconti al tempo di affinamento attraverso l’uso furbo delle barrique, tanto amate da certi produttori dell’ultima ora.

Barolo Fenocchio, al contrario, si fanno attendere, crescono in maniera millimetrica, ma costante, con un’invidiabile potenzialità evolutiva nel tempo. “I nostri Barolo restano cinque mesi in tini di acciaio inox e due anni in botti di rovere di Slavonia di grandi capacità (fino a 50 hl ) per poi essere affinati in bottiglia per un anno. Si evitano i passaggi in barrique che sarebbero eccessivamente aromatizzanti, per mantenere il più possibile il carattere unico di questo vino”. Vini integrali, che parlano piemontese stretto, per farsi capire nel calice con onestà cristallina. Nessuna deroga alla tradizione, la serietà qui si chiama Fenocchio.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Vitigni

Regione

Paese

Formato