G. D. Vajra-Luigi Baudana-Barolo Docg. Cru “CERRETTA” 2018

71,60

Cerretta è il più austero tra i baroli di Luigi Baudana. il barolo Cerretta nasce da uve nebbiolo raccolte nei vigneti dell’omonima menzione siti in Serralunga. i grappoli provengono da vigne degli anni ’70, composte da diversi biotipi di nebbiolo, e rappresentano un’incredibile eredità del lavoro di Luigi.

“Frutta rossa brillante e una nota di crema di noci al naso. Corpo medio con tannini molto fini e decisi e un finale lungo e intenso. Solido e concentrato.” JAMES SUCKLING

“Il Barolo Cerretta 2018 è un vino potente e bruciante, nonostante la sua struttura di medio peso. Tannini roventi avvolgono un nucleo di frutta rosso scuro/nera, ghiaia, fumo, pietrisco, mentolo, liquirizia e selvaggina. Il 2018 sta per hanno bisogno di un certo numero di anni per maturare e perché quei formidabili tannini si ammorbidiscano.” VINOUS

“Il Barolo Cerretta 2018 offre una buona concentrazione con uno stile netto e lineare che lascia il posto a frutti di bosco, rosa canina, chiodo arrugginito e pietrisco. Il vino è estremamente diretto, ed è questo che lo distingue. In questo senso, questo vino è fedele alle caratteristiche di Serralunga d’Alba. I terreni di Cerretta vedono uno strato di marne bianche in superficie e di argilla rossa più in basso, da lì devono provenire quelle sensazioni rugginose.” ROBERTO PARKER

Valutazioni:    Robert Parker   94/100        Vinous   93/100     James Suckling      92/100

 

Quando bere:  2023/2042

Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

Disponibile

Descrizione

Con la loro eleganza e bellezza, le nobili gocce di GD Vajra sono un riferimento per un vino reale famoso in tutto il mondo. La cantina, che esiste dagli anni ’70, si trova a Vergne, il paese più alto del Barolo occidentale. Vi si coltivano le varietà Nebbiolo, Dolcetto e Barbera, ma anche la Freisa, che è stata importante in passato, e persino le uve bianche del Riesling, nel rigoroso rispetto dei fondamentali valori etici. Le iniziali della cantina GD Vajra stanno per Giuseppe Domenico, il padre di Aldo Vajra, che ha firmato le carte fondanti della cantina nel 1972, poiché Aldo era minorenne. La moglie Milena si unì a loro negli anni ’80 e insieme riuscirono a gestire l’attività inizialmente piccola con le attuali sedi di punta Bricco delle Viole, Coste di Vergne, Fossati e La Volta nella produzione del Barolo portano finalmente alla fama mondiale. Ai figli di Aldo, Giuseppe, Francesca e Isidoro, sono ora affidati i lavori in azienda.

Le uve di GD Vajra sono sempre state coltivate in modo naturale. Poiché maturano tardi, i vini autentici, sfaccettati e dal carattere forte sono freddamente eleganti. La loro finezza aromatica è bilanciata da un’acidità vivace ma ben dosata in cantine belle, moderne e dal design funzionale. I vini sono tradizionalmente caratterizzati da una macerazione più lunga e sono per lo più maturati in botti slovene. In questa cantina piemontese valori come l’approccio olistico e l’armonia sono molto importanti.

Nel 2009 la famiglia Vajra, modesta, molto ospitale e non lascia nulla al caso, ha arricchito il proprio già elevatissimo portafoglio di vigneti con l’acquisizione del podere Baudana a Serralunga d’Alba. Lì, nel cuore della regione del Barolo, prosperano due piante di altissima qualità nelle località top Baudana e Cerretta.

Informazioni aggiuntive

Carta dei Vini

Produttore

Anno

Paese

Regione

Vitigni

Gradazione

Formato