• Coppo – Metodo Classico Brut Rosè “CLELIA COPPO” 2020

    34,90

    La produzione molto limitata di questo rosé metodo classico è frutto di un assemblaggio di uve Chardonnay e Pinot Nero vinificato in rosso. La finezza e delicatezza di questo spumante, deriva dal particolare processo di rifermentazione in bottiglia sviluppato con i propri zuccheri residui secondo il “metodo ancestrale”. Il termine ancestrale dal francese antico ancestre, antenato, significa “risalente a un lontano passato”: in origine era infatti questo l’unico modo per ottenere vini spumanti.

    Affinamento: 
    24 mesi in bottiglia a contatto con i lieviti.

    Colore: 
    rosa tenue con riflessi ramati

    Perlage: 
    fine e persistente

    Al naso: 
    prugna fresca, giuggiole, ribes, leggera crosta di pane con presenze minerali sul finale

    In bocca: 
    morbido, persistente, con fresca e gradevole sapidità

    Valutazioni:    Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.

     

  • Jacques Selosse – Champagne Grand Cru Blanc de Blancs “INITIAL” Brut

    435,00

    SELOSSE, NON E’ UNO CHAMPAGNE PER DILETTANTI 
    L’Initial,  è stato il primo champagne prodotto da Anselme, da cui il nome. È un assemblaggio di tre annate, con circa il 55% della vendemmia base e il 45% di altre due annate come riserve; dopo l’imbottigliamento, i lieviti sono stati rimessi in sospensione per due volte fino al dégorgement, avvenuto dopo circa 36 mesi. È l’unico champagne di Anselme un po’ più dosato, se così si può dire, tra i 3 e i 5 g/l.

    Initial sfodera un naso ricco e indiscutibilmente affascinante, certamente complesso, anche opulento. In una fusione veramente perfetta, troviamo tanta mineralità, note di miele, burro e pure le spezie, oltre alla frutta a pasta gialla, mentre il legno si avverte appena, quasi a livello di tostature boisé. La bocca attacca in maniera avvolgente, con una bollicina finissima, e sembra giocata su un’affascinante contrapposizione tra la freschezza e l’ossidazione, con l’agrume, i ritorni minerali e speziati, una piccantezza di ginger che rende ancora più vivace e divertente il finale, invero più ampio che profondo.

    gorgement à la volée  2021

    Valutazioni: non ci sono ancora valutazioni critiche per questa sboccatura

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

  • ESAURITO

    Jèrome Prèvost – Champagne Blanc de Noir Extra Brut LA CLOSERIE “LES BEGUINES” Vendemmia 2019

    0,00

    Per la Closerie – Champagne Extra Brut, le fermentazioni avvengono con utilizzo di lieviti indigeni in barrique di rovere francese e i vini base maturano in legno fino al momento della creazione della cuvée. La rifermentazione avviene in bottiglia, con sosta sui lieviti per almeno 24 mesi prima del dégorgement.

    Nel calice si presenta con un colore giallo paglierino brillante e luminoso, attraversato da un perlage sottile e persistente. Il profilo olfattivo è intenso, con aromi di frutta bianca, di mela, sfumature floreali, sensazioni speziate e balsamiche. Il sorso è potente ed elegante, ed è caratterizzato dalla consistenza densa e cremosa che copre il palato completamente. Il finale è lungo con freschezza ed eleganza e un lungo retrogusto di nocciola.

    Valutazioni: non ci sono ancora valutazioni critiche per questa annata

    Dato il loro valore, le bottiglie di pregio come questa non sono soggette a eventuali promozioni.

     

     

  • Ruinart – CHAMPAGNE BRUT “R” DE RUINART sa.

    55,90

    Lo Champagne Brut di Ruinart è l’etichetta di attacco della maison de Champagne”. È prodotto con uve 40% Chardonnay, 49% Pinot Nero
    e 11% Meunier di varie annate (dal 20 al 25% proveniente da vini di riserva dei 2 anni precedenti) della Côte des Blancs e della Montagne de Reims. Il mosto fermenta in vasche di acciaio inox a temperatura controllata e, successivamente, avviene una lenta maturazione al fresco dei Crayères. Questo Brut sans année ha diversi motivi d’interesse che vanno oltre la semplice qualità assoluta garantita dalla storica tradizione della maison francese: senza appannare il fil rouge con l’uva a bacca bianca, dimostra l’abilità della maison anche quando nell’assemblaggio è il Pinot Nero a diventare protagonista. Fin dai profumi questo Champagne Brut di Ruinart si dimostra ricco, ben giocato su una trama di frutto, dolcezza, florealità e note minerali. Proprio le note minerali la fanno da protagonista all’assaggio, al punto da renderlo uno Champagne teso e dinamico. Lo Champagne Brut di Ruinart rimane sempre equilibrato, fresco e dinamico, così come la maison francese ci ha sempre abituato a trovare i suoi splendidi Champagne. Ruinart si conferma maison capace di dare vita a grandi Champagne, equilibrati e ricchi negli aromi e nei profumi: una tradizione che di anno in anno riesce sempre a crescere in qualità e prestazioni. Colore: Giallo dai riflessi dorati e dal perlage continuo ed elegante Profumo: Sentori fini e freschi di frutta, in particolare di pera, mela ed albicocca, accompagnate da note di nocciole e di mandorle fresche Gusto: Equilibrato e morbido, rotondo e polposo, fresco ed elegante, dai piacevoli ritorni agrumati

     

     

  • Minière F&R – Champagne Brut Nature “BRUT ZERO” sa.

    51,80

    Lo Champagne Brut Zero di Minière F&R è l’etichetta della purezza, realizzata con un’assemblaggio di Pinot Noir 28%, Meunier 45% e Chardonnay 27%. Le tre varietà sono vinificate separatamente e le fermentazioni si svolgono in barrique di rovere francese per un 30% nuove e per il 70% con più di 4 anni. I vini base maturano per 6-8 mesi in barrique sulle fecce fini e con periodici bâtonnage, senza effettuare la malolattica. Al momento dell’assemblaggio, ai vins clairs d’annata si unisce un 15% di vino di riserva. La rifermentazione si svolge in bottiglia secondo il Metodo Champenoise, con una sosta sui lieviti  di almeno 7 anni.

    Si presenta di colore giallo dorato brillante, con un perlage fine e molto persistente. Raffinato e complesso, svela profumi florali, cenni di crosta di pane, aromi di agrumi, di frutta gialla matura, sensazioni tostate, di mandorla e frutta secca. Al palato è secco e teso, con un allungo verticale di grande profondità gustativa. Sfaccettato e intenso, conquista con aromi eleganti, caratterizzati da note evolutive che conducono verso un finale agrumat0.

    Valutazioni:          Robert Parker  93/100       James Suckling    93/100

  • ESAURITO

    Coppo – Metodo Classico Brut “LUIGI COPPO”

    19,90

    Luigi, che subentrò al fondatore Piero Coppo, si trovò a fronteggiare momenti molto duri e difficili a seguito dell’alluvione del 1948. Grazie alla sua tenacia e determinazione però, le cantine si modernizzarono, adottando tecnologie innovative. Questo spumante è dedicato a lui e a tutti coloro che non si piegheranno mai alle avversità.

    Affinamento: 
    18-24 mesi in bottiglia a contatto con i lieviti.

    Giallo paglierino, con luci dorate che si fanno brillanti. I profumi molto fini sono di lievito di pane e burro di montagna. Coppa di frutti bianchi freschi, pesca, litchi e melone. La freschezza del sorso si accompagna a una sapida struttura di mandorla.

    VitaeGuida ai vini dell’Associazione Italiana Sommelier

    Valutazioni:    Non ci sono ancora recensioni critiche per questa annata.